***JAN KONUPEK***chiuso per un anno

21 Maggio 2011

 

L’École des Italiens – Museo Immaginario

 

 

Chiuso per un anno

 centauro-incisione-1920.jpg

Chiuso per un anno. Ma potremmo anche vietare l’ingresso per sempre. Neghiamo l’accesso, ma all’interno l’attività sarà febbrile. Dentro, le cose succederanno inesorabilmente: i quadri ci saranno, gli artisti saranno presenti con le loro opere, le luci saranno sempre accese. Gli eventi saranno garantiti da un programma impeccabile. Dentro le opere, fuori i visitatori.

Per un anno la soglia non potrà più essere varcata, né in entrata né in uscita. Perché, nei tempi in cui viviamo, si entra e si esce dalle gallerie d’arte con troppa disinvoltura, peggio che nel Grand Hotel frequentato da Greta Garbo e John Barrymore. Andare avanti e indietro come formiche impazzite è diventata l’unica attività praticata. Forse perché oltre la porta, dentro e fuori, c’è poco da scoprire, niente che giustifichi la sosta. Solo un viavai ossessivo che conferma l’assenza, sempre meno giustificata, di un pensiero o di un’idea di nuovo eroici.

È per amore che abbiamo deciso di negare l’arte ai curiosi, ai mondani di professione, ai presenzialisti del nulla. Per un anno, dunque, vi inviteremo a delle vere mostre, che potrete solo “spiare” attraverso piccole aperture praticate sui vetri delle finestre oscurate da giornali. Perché all’interno ci saranno dei lavori in corso. Frenetici.

Vogliamo riaffermare l’idea che la galleria è un luogo dove si entra per partecipare a un mistero. Un luogo che merita rispetto. Che pretende decoro, severità di comportamenti e sobrietà di abiti.

Per un anno sarà chiusa soltanto la porta d’ingresso. Dopo, però, potremmo essere anche più drastici, decidendo di murarla definitivamente. E se mai ci venisse voglia di ospitare qualcuno lo faremmo anche noi come il divino e malinconico Pontormo: calando una scala di legno dalla finestra. A nostro insindacabile piacimento.

 

 

Prima mostra della serie  «Chiuso per un anno»

 

Jan Konupek

 

Giugno – Luglio 2011

 

L’École des Italiens – Museo Immaginario

Domodossola, via Mellerio

Info 339 3294909

 

 

Jan Konupek  (1883 – 1950)

 

Pittore, illustratore ed incisore, Jan Konupek, nasce nel 1883 a Mladá Boleslav (Boemia Orientale),  dopo pochi anni si trasferisce a Praga con la famiglia.

Alcuni tra i maggiori architetti del tempo furono suoi docenti alla Scuola Superiore di Tecniche Figurative.

Nel 1910 con altri artisti (Kobliha, Váchal..) fonda il gruppo Sursum.

Nel 1912 inizia a creare il primo di vari cicli grafici, dedicati a figure come Amleto, Cristo, Don Giovanni, Ercole.

Per molti anni insegna alla Scuola Statale di Grafica e collabora con diverse riviste.

Muore a Nové Mêsto (Boemia Orientale) nel 1950.

 

Scrisse Konupek nell’autobiografico Hodina Hermova, “ciò che io faccio non è che una registrazione e una riproduzione di impressioni ed accadimenti dell’incessante pellegrinaggio nella grande spirale della vita”. Una trascrizione quasi automatica di fatti regolati altrove, dei quali sarebbe vano cercare le motivazioni. “Sono determinista, - continua Konupek – non solo credo, ma sono convinto che una mano estranea mi conduca e mi spinga in avanti. Non mi ribello. Sarebbe inutile resistere”.

Konupek si nutre di enigmi. Furori mistici e frenesie visionarie si inseguono in lui secondo sorde e misteriose euritmie; le sue opere, come scrisse Frantisek Kobliha nel saggio che gli dedicò nel 1943, sono “cristallizzazioni di sogni”. E infatti, come cristalli, le sue visioni sono nitide e chiare, spesso la resa grafica è di un netto realismo che a volte diviene quasi vignetta. E questo disegno saldo, ben fatto, è la cifra degli artisti filosofi, come aveva già notato Baudelaire.

L’arte di Konupek, così come i soggetti delle sue opere, è fuori del tempo, è simbolismo senza età; e nella sua corsa in quello che Georg Trakl chiamò “raggiante precipizio del sole” egli fu, e non poteva essere altrimenti, cosmicamente solo.

 

 

 

 

***BIENNALE DI VENEZIA 2011 - 2000 artisti italiani in fila per tre col resto di uno***

15 Maggio 2011

***Alessandro Riva alla deriva***

29 Novembre 2010

PEDOFILIA, ALESSANDRO RIVA: CASSAZIONE IL 2 DICEMBRE

Attenti al lupo
Attenti al LUPO
Momò Calascibetta- disegno cm. 68 x 83 - disegno a matita - 2006

Il Corriere della Sera rettifica la notizia data il 27 novembre:la Cassazione deciderà su Alessandro Riva il 2 dicembre.Ecco cosa scrive: MINORI MOLESTATI -Si terrà il due dicembre in Cassazione il processo ad Alessandro Riva, il critico d’ arte condannato in appello a Milano per presunti abusi su minorenni. I giudici (che non hanno ancora emesso la sentenza, come riferito ieri per errore) dovranno valutare se confermare o ribaltare (come chiede la difesa) il verdetto di secondo grado. Pagina 9 (28 novembre 2010) - Corriere della Sera

 

 Di Roberta Lerici

Alessandro Riva, critico d’arte, ex braccio destro di Vittorio Sgarbi  quando nel 2007 era assessore alla cultura del Comune di Milano, scrittore e collaboratore di Carlo Lucarelli nel programma "Blu Notte" di Rai Tre, era stato arrestato nel 2007 dopo che alcune bambine amiche delle sue figlie avevano insospettito le loro maestre per il loro comportamento e per degli strani racconti.L’indagine era quindi partita da una segnalazione della scuola. Le bambine di età inferiore ai dieci anni hanno sostenuto un incidente probatorio quasi subito e si scrisse, allora, che si era voluto cristallizzare le prove per evitare che passasse troppo tempo dai fatti.Riva si difese dicendo di essere stato frainteso dalle bambine, e i suoi avvocati (Gentiloni Silverij e Guglielmo Gulotta) tentarono di far passare questa tesi parlando di giochi male interpretati e di "pettegolezzi contagiosi" dovuti al particolare stile di vita di Riva. Ma la condanna in primo grado a nove anni, ridotta a sei in appello, due giorni fa è stata confermata dalla Cassazione. A Riva era stata sospesa anche la patria potestà sulle  figlie e nessuna dichiarazione è mai stata fatta da sua moglie, rimasta in silenzio in questi due anni e mezzo (il caso scoppiò nel maggio 2007).

Restano in rete i commenti increduli del mondo dell’arte, gli appelli e le raccolte firme di chi assicurava di conoscerlo benissimo e giurava sulla sua innocenza. Si disse, allora, che in Italia "si vedevano pedofili ovunque" e che qualcuno era dedito alla "caccia alle streghe".Insomma, assistemmo al repertorio completo di proclami e azioni messe in campo ogni volta che una persona "insospettabile" viene accusata di pedofilia.Lo stesso dispiego di mezzi ed energie, difficilmente viene usato per difendere le vittime, e questo crea un senso di sgomento in molti di noi.Leggere di volta in volta parole offensive e denigratorie nei riguardi dei bambini e dei loro genitori da parte, per esempio,  di politici, vescovi, uomini di cultura, giornalisti, conduttori televisivi, avvocati  o semplici cittadini, non fa onore alla nostra società, a prescindere da tutto.

MINORI MOLESTATI Riva, confermata condanna a 6 anni

Confermata in Cassazione la condanna a sei anni e mezzo di reclusione per violenza sessuale su minori per il critico d’ arte Alessandro Riva. Riva, scrittore, giornalista e in passato collaboratore dell’ assessorato alla cultura di Milano, era stato arrestato nel 2007 per aver molestato alcuni bambini. In primo grado era stato condannato a 9 anni. Pagina 11-Corriere della Sera, 27 novembre 2010

ARTICOLI CORRELATI :

 DE-RIVA DI ALBERTO AGAZZANI

 PEDOFILIA, ALESSANDRO RIVA: PENA RIDOTTA IN APPELLO

 Alessandro Riva condannato a 9 anni per violenza sessuale su minori. Non passa la tesi del "pettegolezzo contagioso"

 Pedofilia, Alessandro Riva torna con una mostra in cui Cicciobello brucia

 ABUSI SU MINORI: CONTINUA IL PROCESSO AL CRITICO D’ARTE ALESSANDRO RIVA

 Pedofilia, Decreto Sicurezza:Carcere per i condannati con effetto retroattivo.

 Pedofilia, subito a processo il critico d’arte Alessandro Riva

Il volo dei desideri

21 Aprile 2010
Il volo dei desideri. Blowin’ in the wind

                                   di                                
                               Maria Bruni                           

                    007.jpg                
 installazione sonora con fotografie, 2010
 “blowin’ in the wind”, 2006, 6 fotografie a colori cm 50 x 70

    elaborazione dell’installazione sonora a cura di Andrea Costa
     voce di
Gian Luca Favetto

  nell’ambito del progetto 
“Sottopasso. Arte in volo”

 
a cura di Olga Gambari e Massimo Fiumanò
da maggio 2009 a settembre 2010
sede: binario 1, stazione ferroviaria di Domodossola

 

Nella Stazione Ferroviaria Vigezzina di Domodossola, che collega due culture, due confini, tra la Svizzera e l’Italia, passano ogni anno due milioni di persone.

 
L’associazione Ingremiomatris ha scelto una postazione nel cuore di questa stazione, per aprire una galleria fuori dal comune. Una storica carrozza degli inizi del ‘900, dagli elegantissimi e spartani interni in ciliegio, recentemente restaurata e tenuta come un’opera d’arte in sé, ferma sul Binario 1, diventa spazio d’arte dove per 17 mesi sfileranno artisti e opere. 

Osserveranno la gente e proveranno a dialogare, a far fermare qualcuno, a raccontare comunque le loro storie. Useranno il linguaggio visivo, quello del colore, delle emozioni, delle forme, del movimento.

 
Se le gallerie di tutto il mondo lamentano che ormai, dopo la serata dell’inaugurazione, nessuno passa più, quale migliore possibilità di avere un pubblico continuo, ricco, quotidiano, affezionato? La carrozza, ferma sul suo binario, diventerà una galleria a statuto speciale, un esemplare unico. Dai sei grandi finestrini illuminati e orientati verso il marciapiede, le opere saranno visibili dall’esterno, osservabili solo da fuori, da chi passa lì vicino.
Il corpo del vagone sarà chiuso, un luogo a sé un po’ magico. Una galleria come una vetrina, che si protende per cercare il contatto, l’incontro tra opera e spettatore, lo scambio e il contatto tra arte e pubblico.
Una creatività multiforme che abiterà la stazione di Domodossola fino a settembre 2010, con un susseguirsi di mostre, tra personali e collettive, che spazieranno dalla pittura alla fotografia, dalla scultura alla videoinstallazione.
La carrozza sarà insomma un piccolo laboratorio in ebollizione, che andrà a cercarsi il suo pubblico sottoterra, partendo dal sottopasso di una stazione per uscire nel mondo.
……………………………………………………………………………………..
L’installazione  sonora site specific “Il volo dei desideri. Blowin’ in the wind”, che Maria Bruni presenta a Domodossola, è un lavoro che arriva da lontano, che continua a vivere, e mutare. Da qualche anno l’artista torinese si interroga sulla dimensione del desiderio, su ciò che essa implica nella condizione esistenziale. Desiderare è l’essenza stessa della vita, quel progettare fatto di razionalità e istinto, inevitabile e spontaneo, attraverso cui ognuno di noi dà senso alle sue giornate e guarda al futuro.
Senza desideri si è materia inorganica.
Maria Bruni è partita dalla simbologia legata all’atto del desiderare, dai soffioni, un insieme di lanuggine bianca in cui si trasformano i fiori gialli dei tarassaci. In quei palloncini pelosi, che si disperdono nel vento dissolti in mille semi volatili, si incarna romanticamente una Natura divina e materna, a cui si affidano le proprie speranze. Dieci persone hanno soffiato sulle fioriture secche davanti al suo obbiettivo, come a sigillare un patto, un impegno, nel momento in cui esprimevano il proprio desiderio. Sono immagini poetiche ed evanescenti, macro che dissolvono la materialità della visione reale per farne emergere l’essenza più intima e spirituale. Sette si sono avverati, sette su dieci della serie “Blowin’ in the wind”, come si intitola il lavoro completo, di cui a Domodossola è presente un segmento.
La carrozza al binario diventa un’ideale serra, una scatola magica che galleggia fuori dal tempo e dallo spazio, contenendo preziosi segreti desideranti, come ex voto. Ognuno in sé è un volo, a occhi chiusi e cuore aperto, che segue le traiettorie aeree dei frutti secchi in cui si metamorfizza il Taraxacum officinale, chiamato anche con altri mille appellativi comuni, da piscialletto a cicoria matta, a dente di leone. Nell’installazione i tanti nomi del tarassaco volano nell’aria attorno alla carrozza, portati da una voce diffusa, che sembra nominare un’umanità silente, un individuo dietro a ciascuno, una prato fiorito che è il mondo. Pieno di desideri.



Olga Gambari

 
Tutta la rassegna è idealmente ispirata alll’idea stessa di volo, di partenza, di nomadismo concettuale. Il volo è una perfetta metafora dell’esperienza artistica. Voli che si compiono in ogni opera, sperimentazioni che partono da terreni conosciuti per esplorare altri mondi e altri cieli. Ogni tensione artistica è così, un volo, che porta l’artista stesso ma anche il pubblico, nel momento del contatto. L’arte è un insieme di tentativi, esperienze, approcci a tentare il salto, comunque, verso qualcosa.

Nelle mostre che si susseguiranno la figura di Geo Chavez è un’eco, una texture che tiene insieme e su cui si sviluppa, come un orizzonte, la struttura del progetto. Chavez sarà una sorta di compagno di volo.
Geo Chàvez, aviatore di origini peruviane che per primo trasvolò le Alpi nel 1910 perdendo la vita, a soli 27 anni, morì in un tragico incidente proprio a Domodossola.        
Il 27 settembre 2010, la città celebrerà, infatti, il centenario della morte di questo personaggio che incantò e commosse il mondo sacrificandosi per il suo sogno.

 

Un comitato scientifico composto da Olga Gambari e Max Fiumanò sceglierà artisti e lavori, con un’operazione dal sapore avanguardistico e situazionista che connota da sempre lo spirito dell’Ingremiomatris.
Alla fine tutta l’operazione sarà documentata da un catalogo, una sorta di diario di bordo di un lungo viaggio d’arte compiuto a bordo di un treno.



Titolo:                                         Il volo dei desideri. Blowin’ in the wind

Autore                                        Maria bruni                                    

 
Inaugurazione:                       venerdì 23 aprile 2010 ore 18.30
a cura di                                 Olga Gambari
Sede:                                      Binario 1 Stazione ferroviaria vigezzina, piazza
                                               Matteotti,  Domodossola
Date:                                      23 aprile 2010 – luglio 2010
Orari:                                      tutti i giorni dalle 5:00 alle 21:00

Info:                                        www.ingremiomatris.com
                                              
info@ingremiomatris.com
                                                tel.:3357357840

TERRA OMNIA

19 Aprile 2010

24347_1431562627908_1198166732_31224426_4958473_n.jpg

TERRA OMNIA. Quanto costerà ai palermitani?

daverio-palermo.jpg

Un’intera pagina pubblicitaria sui quotidiani, con due sole parole al centro, TERRA OMNIA ed i simboli di Kals’Art e Festino di Santa Rosalia, firmata Comune di Palermo e mi sono detto: ci risiamo.

Anche se nulla è comprensibile riguardo al progetto, si avvertono già le presenze di eminenze grigie pronte a masticare denaro pubblico. Non solo quest’amministrazione ha mortificato Palermo deprivandola di cultura, ma progetta ed organizza eventi futuri a porte chiuse guardandosi bene dal coinvolgere operatori, maestranze, associazioni e artisti locali.

E mentre in Consiglio Comunale l’ormai ex maggioranza Pdl ingolfa i lavori d’aula per non affrontare i problemi dentro i quali Palermo sta affondando, Cammarata sembra pronto ad agire nell’ombra per sperperare il denaro dei palermitani.

Così stamattina ho presentato un’interrogazione al Sindaco che è obbligato a rispondere entro 30 giorni, e tra i quesiti:

  • Chi ha acquistato la pagina pubblicitaria sui quotidiani relativa all’annuncio del progetto Omnia Terra, con quali fondi e quanto è costata.
  • In cosa consiste il progetto Terra Omnia e con quali fondi si pensa di finanziarlo. Che ruolo ricopre o ricoprirà il Sig. Philippe Daverio.
  • Che costi si prevedono per la potenziale realizzazione di tale progetto (compreso il compenso dell’esperto, da indicare nel dettaglio) e che utili/entrate si prevede di ottenere .
  • Se sono state considerate e valutate altre differenti proposte di riattivazione culturale della città provenienti dalla città stessa nella persona dei suoi operatori culturali ed esperti culturali.
  • Quali sono i risultati in termini sia economici che di risonanza previsti dalla potenziale realizzazione del progetto Omnia Terra.
  • Se le maestranze impegnate nella realizzazione del progetto siano locali.
  • Se è prevista la collaborazione e/o cooperazione all’interno del progetto di maestranze ed operatori culturali, e artisti locali.
  • Chi è il referente artistico esperto o la commissione di esperti di settore in seno all’amministrazione che valuta i progetti artistici, compreso questo.
  • Share/Bookmark

SOTTOPASSO arte in volo “TRASVOLATA”

25 Gennaio 2010

Sottopasso
Arte in volo

 1-trasvolata.jpg
a cura di Olga Gambari e Massimo Fiumanò
da maggio 2009 a settembre 2010
sede: binario 1, stazione ferroviaria di Domodossola

 

 Nella Stazione Ferroviaria Vigezzina di Domodossola, che collega due culture, due confini, tra la Svizzera e l’Italia, passano ogni anno due milioni di
persone.
 
L’associazione Ingremiomatris ha scelto una postazione nel cuore di questa stazione, per aprire una galleria fuori dal comune. Una storica carrozza degli inizi del ‘900, dagli elegantissimi e spartani interni in ciliegio, recentemente restaurata e tenuta come un’opera d’arte in sé, ferma sul Binario 1, diventa spazio d’arte dove per 17 mesi sfileranno artisti e opere. 
Osserveranno la gente e proveranno a dialogare, a far fermare qualcuno, a raccontare comunque le loro storie. Useranno il linguaggio visivo, quello del colore, delle emozioni, delle forme, del movimento.
 
Se le gallerie di tutto il mondo lamentano che ormai, dopo la serata dell’inaugurazione, nessuno passa più, quale migliore possibilità di avere un pubblico continuo, ricco, quotidiano, affezionato? La carrozza, ferma sul suo binario, diventerà una galleria a statuto speciale, un esemplare unico. Dai sei grandi finestrini illuminati e orientati verso il marciapiede, le opere saranno visibili dall’esterno, osservabili solo da fuori, da chi passa lì vicino.
Il corpo del vagone sarà chiuso, un luogo a sé un po’ magico. Una galleria come una vetrina, che si protende per cercare il contatto, l’incontro tra opera e spettatore, lo scambio e il contatto tra arte e pubblico.
Una creatività multiforme che abiterà la stazione di Domodossola fino a settembre 2010, con un susseguirsi di mostre, tra personali e collettive, che spazieranno dalla pittura alla fotografia, dalla scultura alla videoinstallazione.
La carrozza sarà insomma un piccolo laboratorio in ebollizione, che andrà a cercarsi il suo pubblico sottoterra, partendo dal sottopasso di una stazione per uscire nel mondo.
 
Il 6 Febbraio alle ore 18 si inaugurerà  con le opere dell’artista ossolano Giuliano Crivelli e dell’artista ticinese Claudio Taddei, tutti e due pittori e musicisti.
Tutta la rassegna è idealmente ispirata alll’idea stessa di volo, di partenza, di nomadismo concettuale. Il volo è una perfetta metafora dell’esperienza artistica. Voli che si compiono in ogni opera, sperimentazioni che partono da terreni conosciuti per esplorare altri mondi e altri cieli. Ogni tensione artistica è così, un volo, che porta l’artista stesso ma anche il pubblico, nel momento del contatto. L’arte è un insieme di tentativi, esperienze, approcci a tentare il salto, comunque, verso qualcosa.
Nelle mostre che si susseguiranno la figura di Geo Chavez è un’eco, una texture che tiene insieme e su cui si sviluppa, come un orizzonte, la struttura del progetto. Chavez sarà una sorta di compagno di volo.
Geo Chàvez, aviatore di origini peruviane che per primo trasvolò le Alpi nel 1910 perdendo la vita, a soli 27 anni, morì in un tragico incidente proprio a Domodossola.       
Il 27 settembre 2010, la città celebrerà infatti il centenario della morte di questo personaggio che incantò e commosse il mondo sacrificandosi per il suo sogno.
Un comitato scientifico composto da Olga Gambari e Max Fiumanò sceglierà artisti e lavori, con un’operazione dal sapore avanguardistico e situazionista che connota da sempre lo spirito dell’Ingremiomatris.
Alla fine tutta l’operazione sarà documentata da un catalogo Allemandi editore, una sorta di diario di bordo di un lungo viaggio d’arte compiuto a bordo di un treno.
 
 

 

 
Titolo: " Trasvolata"
                    nell’ambito del progetto  “Sottopasso. Arte in volo”
 
Inaugurazione: sabato 6 Febbraio ore 18
 
a cura di Massimo Fiumanò
Sede: Binario 1 Stazione ferroviaria vigezzina, piazza
            Matteotti,  Domodossola
 
Date: 6 Febbraio – 14 Marzo
 
Orari: tutti i giorni dalle 5:00 alle 21:00
 
Info: www.ingremiomatris.com
         info@ingremiomatris.com

tel.:3357357840

Bookmark and Share

 

Intervista ad Aldo Busi

15 Gennaio 2010
Intervista di Antonio Gnoli ad Aldo Busi pubblicata da Repubblica il 12 gennaio 2009, pagg. 58 e 59

Provate a sostituire scrittore con pittore o intellettuale,
romanzo con quadro, ecc… Mi ci riconosco al 100%

"Guardo il nostro Paese con raccapriccio. Non ho più voglia di fare niente per l’Italia. Ho scritto i miei romanzi bellissimi e a un certo punto ho deciso: mi sono tolto dalle balle. Via. Dai rumori, dal chiacchericcio, dalle pretese di far sognare una nazione che non sogna, non vive, non ha futuro. Mi sento molto inutile. E se ne parlo, se ho deciso per un momento di rompere il silenzio, non lo faccio in quanto scrittore, ma solo perchè continuo ad essere Aldo Busi".

C’è differenza tra il Busi uomo e lo scrittore?
"Nessuna, ma la metto in guardia verso quegli scrittori che pensano di avere la chiave di volta per spiegare i mali del mondo, che ritengono d’essere dei salvatori della patria. Poi li leggi e senti immediatamente che non c’è l’opera, non c’è il romanzo. Io ho un’opera. Cresciuta nel deserto, nel nulla italiano. Ma c’è".

Non tutti se ne sono accorti.
"Non sono un populista. Quindi penso che il dovere dell’opera sia di rimanere ferma dov’è. Sono gli altri che devono andarle incontro. Il romanzo che va verso il pubblico non è più un’opera, al più è un’operetta. Tra l’altro avercene di operette. Neanche queste sono state prodotte negli ultimi vent’anni. Uno scenario desolante, dove spicca solo la rivoluzione di internet".

Non è poco, ha cambiato radicalmente il nostro modo di stare nella cultura.
"Certo, ma non in meglio. La lingua è diventata solo comunicazione. E’ caduto il senso estetico della lingua italiana e in generale della lingua usata come sistemazione delle idee. Con l’avvento di internet la mia opera si è trasformata in sale".

Appartiene al passato.
"La mia opera è talmente indietro che non è nè di ieri nè di oggi. E’ il domani".

Rischia l’incomunicabilità.
"L’esperienza di un lettore non è comunicabile ad un altro lettore. Il passa parola va bene per le operette. La mia identità di scrittore non è negoziabile".

Ma i romanzi bisogna pur venderli.
"Non ho mai pensato di vivere di diritti d’autore. Alla fine uno come me è destinato a rimanere solo. Non ho una famiglia alle spalle che mi protegga. Non appartengo ai clan, non sono iscritto ai partiti. Da sempre detesto la figura dell’intellettuale organico. Che cos’è: un suggeritore, un imbonitore, un servo? Sono disorganico a tutto".

E’ il suo modo di salvarsi?

"A un prezzo carissimo. Sono due settimane che non esco di casa, che non incontro nessuno, non vado a cene mondane. Non entro nei ristoranti. Cosa faccio? Cucino cotechino e lenticchie e metto su pancia".

Cosa la spinge a questa vita da recluso?
"Fuori incontri gente che è convinta di avere la verità in tasca e pensa di illuminarti. Ma questo non è il paese dei Lumi. Non vedo alcuna speranza di miglioramento. Per questo ho smesso di scrivere".

Non le manca la scrittura?
"Perchè dovrebbe? Quello che avevo da dire l’ho detto. Vengo dalla scuola severa del grande autodidatta. Non sono il semplice amateur. Lo scrittore è la coscienza della nazione. Se non è tale non è niente. Ma qui c’è ancora una nazione?".

Ce lo dica.
"Non le rispondo, non sono un demagogo, non mi rivolgo alle folle. La letteratura è un fatto elitario. In me non c’è la minima predisposizione al mercimonio ed alla prostituzione".

Eppure nel secondo dei suoi racconti c’è un elogio quasi malinconico di un giovane prostituto.
"E’ un lavoro come un altro, del resto non c’è cosa che non sia mercificata. Se è mercificato il pensiero perchè non dovrebbe esserlo un quarto di carne? La carne umana è la merce più a buon mercato che abbiamo. Non sono gli amanti prezzolati, le escort, i leccaculo che da noi mancano. E poi, gli uomini e le donne sono talmente insicuri di sè che è chiaro che stanno solo cercando un padrone. Tutti vogliono un padrone. La mia lotta, quando incontro qualcuno, è restituirgli la stima in se stesso".

E cosa si aspetta di ottenere?
"Non lo so e non m’importa di saperlo. A volte mi rimproverano di investire energie sulle persone sbagliate. Ma non ci sono persone giuste. Le persone sbagliate sono le uniche su cui vale la pena di prodigarsi. Sono le uniche davvero spossessate di sè".

Echeggia il retaggio cattolico.
"Solo una persona profondamente anticlericale e aconfessionale può essere buona come me. Io posso essere generoso con un nemico, un cattolico difficilmente".


E’ una forma di gratuità più che di generosità.

"E’ vero perchè la gratuità richiede una grandezza che il generoso non sempre possiede. E poi a me piace stupire".

Cosa significa stupire?
"Dare la sensazione che non stai agendo in base ad un istinto di rapina. Stupire significa costringere qualcuno a ricredersi su di te, su di sè e conseguentemente sul mondo".

In passato lei stupiva giocando sui suoi gusti sessuali.
"Cosa vuole che le dica: ho praticamente smesso di fare sesso. Sono un omosessuale ideologico. I maschi cominciano a farmi schifo. All’odore del caprone in palestra preferisco la castità".

O le donne, visto l’elogio sperticato che ha fatto di Carla Bruni.
"Un’eroina della nostra contemporaneità".

Che cosa l’affascina di queste figure femminili: prima Liala, poi Zsa Zsa gabor e adesso la moglie di Sarkozy?
"E’ un movimento ascensionale. Liala conquista le analfabete e comunque insegna loro a lavarsela. Zsa Zsa conquista gli uomini. Non fa film ma è la più grande attrice della vita. La Bruni conquista il potere vero. In lei vedo la capacità ormai in estinzione di essere virile".

Si spieghi.
"La virilità è un progetto, la femminilità una condizione. Mettendo insieme queste due cose Carla Bruni ha conquistato una nazione, i francesi sono pazzi di lei. Non ha compiuto un passo falso. Ha tutta la mia ammirazione".

I detrattori insinuano che abbia fatto tutto per calcolo.
"E allora dov’è lo scandalo? I critici come al solito non hanno capito che Carla Bruni ama tanto di più Sarkozy proprio in quanto non lo ama. Troppo facile amare qualcuno perchè lo ami. Prova ad amare qualcuno senza amarlo. E’ durissima".

E lei ha amato?
"Ho cercato la merla bianca. Ma avevo già la mia opera e me stesso".

Di se stesso, del suo corpo scrive: il mio è un corpo che non si vendica su di me.
"Nel senso che sono costantemente aggiornato su di me, anche quando muto, quando mi trasformo, quando mi travesto".

Inclinazione camaleontica?
"Travestirmi equivale a sentirmi come Giorgio Samsa che Kafka trasforma in scarafaggio: sono un personaggio che può vivere indifferentemente in un romanzo o nel mondo".

Che cos’ha fatto in questi anni di silenzio?
"Sono stato benissimo. Non ho fatto una bella mazza di niente. Non ho scritto, non sono andato in televisione, non ho avuto sfoghi sessuali. In compenso ho cambiato tantissime stanze d’albergo in Europa Non c’è stata cosa più bella che staccarsi da tutto e chiudere il rubinetto. Così se mi faranno fuori non ci sarà nessuno che mi rimpiangerà".

Rimpiangeremmo il suo talento indiscusso.
"Mi hanno fatto il vuoto attorno perchè tra l’altro sono una persona troppo spiritosa".

Di sè lei ha scritto in uno dei racconti: sono un ex cameriere con il complesso di superiorità.
"E’ vero. Ho avuto la fortuna di non essere un figlio di papà, di non studiare nelle scuole di Stato. Tutti quelli che erano handicap insormontabili li ho trasformati in grotte di Aladino piene di tesori. E poi, se uno non ha fatto il cameriere e non ha visto la vita dal basso, o dal sotto di una tovaglia, non può aspirare al trono".


Lei ha anche detto: si può smettere di scrivere ma non si può smettere di essere scrittori.

"Essere scrittore è per me possedere un terzo occhio. In questi anni di voluta inattività si è molto acuito".

Chi è per lei uno scrittore?
"Prenda me, come parlo, come mi muovo, come gestisco il mio corpo, prenda le mie opere e da lì capirà chi è scrittore e chi non lo è. Non è una cosa di cui posso vantarmi, perchè per il fatto di essere scrittore non me ne torna niente in tasca".

Tutto accade perchè deve accadere.
"Eppure non mi spiego perchè le ho rilasciato questa intervista. Ha mai scritto su di me negli ultimi anni?".

No, dovevo?
"Io nasco respinto. Mio padre non mi voleva, mia madre desiderava una femmina. Io nasco e già avevo un completino rosa".

Da neonato ha cominciato a scavare l’abisso fra lei e il mondo.
"Preferisco essere respinto che accettato, parola davvero miserabile. Chi siete voi per tollerarmi? Dei lombrichi. Ammettetelo e io vi trasformerò in draghi volanti. Il segreto è tutto qui".

PHILIPPE DAVERIO IL REGISTA DE IL ‘FESTINO’ 2010

11 Gennaio 2010
***Cronaca | 11/01/2010 | ore 13.44 » PALERMO: SINDACO, PHILIPPE DAVERIO IL REGISTA DE IL ‘FESTINO’ 2010 Palermo, 11 gen.- (Adnkronos) - Il noto critico d’arte e docente universitario Philippe Daverio "sara’ il regista de ‘Il Festino di Santa Rosalia 2010′, ma si occupera’ anche delle attivita’ culturali di ‘Kals’Art’ e di tutta la cultura a Palermo". Lo ha annunciato il sindaco di Palermo, Diego Cammarata, nella conferenza stanpa di inizio anno a Palazzo Galletti. Lo stesso primo cittadino ha detto che sono in arrivo dal Ministero della Cultura "1,5 milioni di euro per Kals Art".***

sb0050_1.jpg
*** "Firmeremo presto il disciplinare d’incarico come esperto cultura per Daverio", ha aggiunto Cammarata.***

Bookmark and Share

Così finì la Natività del Caravaggio

10 Dicembre 2009

Rosicchiata dai topi e poi bruciata

Da Spatuzza un riscontro alle dichiarazioni
di Marino Mannoia sulla tela rubata

PALERMO - Sarebbe finita in pasto ai porci e rosicchiata dai topi in una stalla di Santa Maria di Gesù. Alla fine, per disfarsi di quella tela così ingombrante, avrebbero deciso di bruciarla. La "Natività" del Caravaggio, la preziosissima tela rubata la notte tra il 17 e il 18 ottobre del 1969 dall´Oratorio di San Lorenzo a Palermo, avrebbe fatto una brutta fine. Almeno così ha raccontato a luglio scorso Gaspare Spatuzza ai pm di Palermo: «Ho saputo da Filippo Graviano nel carcere di Tolmezzo intorno al 1999 che il quadro era stato distrutto negli anni Ottanta. La tela era stata affidata ai Pullarà i quali l´avevano nascosta in una stalla, dove era stata rovinata, mangiata dai topi e dai maiali e perciò venne bruciata».
Spatuzza non sa altro ma le sue dichiarazioni bastano a fare un altro passo avanti in uno dei misteri di mafia che, negli ultimi 40 anni, è stato solo sfiorato ma mai chiarito da diversi collaboratori di giustizia. Quel che è certo è che quella tela fu rubata su precise disposizioni dei vertici di Cosa nostra. Per farne cosa esattamente non si sa. Non protetto da alcun sistema di allarme, la Natività finì in un furgoncino e fu portata nella fabbrica del ghiaccio dei Vernengo. Così almeno hanno raccontato negli ultimi anni alcuni collaboratori di giustizia che hanno consentito ai carabinieri del Nucleo patrimonio artistico di ricostruire i movimenti di quel quadro che sarebbe passato dalle mani di Pietro Vernengo a Gerlando Alberti, da Rosario Riccobono a Michele Greco, a Pippo Calò. Secondo alcuni di loro il quadro sarebbe stato esposto più volte durante importanti summit di mafia come segno del prestigio e del potere della cosca che ospitava il vertice.
«È stato trasferito da una «famiglia» di mafia all´altra quasi fosse un vessillo simbolo di forza», aveva spiegato il generale Roberto Conforti, comandante del Nucleo patrimonio artistico. Almeno una decina i pentiti che hanno parlato del Caravaggio rubato, da Giovanni Brusca a Salvatore Cancemi che hanno indicato anche una serie di possibili nascondigli, certi che il quadro fosse rimasto intatto. Ma le ricerche dei carabinieri del Nucleo patrimonio artistico in ville e appartamenti non hanno mai dato alcun esito. Solo Francesco Marino Mannoia aveva detto a Giovanni Falcone che la tela era stata distrutta. Ora le dichiarazioni di Spatuzza confermano questa tesi.

I suq: i colori, i sapori e gli odori della storia.

22 Ottobre 2009

Il Gusto del Trekking

dolcetti e scherzetti camminando in città

" Il gusto del Trekking: dolcetti e scherzetti camminando in città" è il titolo che quest’anno contraddistingue la sesta giornata nazionale del Trekking Urbano" , un’iniziativa promossa dal Comune di Siena per valorizzare i monumenti meno conosciuti di tutta Italia. L’ assessorato  comunale al turismo di Palermo aderisce il 31 ottobre 2009, per il secondo anno consecutivo a questo evento e con un proprio percorso dal titolo : " I suq: i colori, i sapori della storia" che è anche anche un Viaggio nel gusto alla scoperta dell’evoluzione gastronomica palermitana.

Il percorso prevede soprattutto la valorizzazione della Vucciria raccontata attraverso il linguaggio dell’arte. Il momento culturale, sarà costituito infatti dalla proiezione di  sei video relativi a Palermo e ai vicoli della Vucciria proiettati dalla terrazza dell’ artista Momò Calascibetta a Piazza Caracciolo verso il Palazzo della Ragioneria.
foto-un-taxi-alla-vucciria.jpg
UN TAXI ALLA VUCCIRIA
Da un’ opera di Momò Calascibetta-Realizzazione fotografica e montaggio di Luca Cassarà
bsw389.gif

Palermo punta sul suo mercato più prestigioso, la Vucciria, mettendone in evidenza i tratti migliori della propria quotidianità: dalla vendita dei prodotti tipici alla gestualità del "putearo" con le sue strategie di vendita. Trovano spazio in questo quadro reale gli abitanti, i cui tratti somatici richiamano culture diverse  tenute insieme dal valore più alto che la cultura siciliana esprime nei confronti dello straniero: lo spirito di accoglienza.  Le partenze inizieranno alle ore 18 da Piazza Kalsa per concludersi alle 24 nel cuore della Vucciria. Ogni 15 minuti guide turistiche condurranno gruppi di 35 turisti, che a piedi visiteranno alcuni monumenti e piazze con lo scopo di spiegare l’evoluzione della tradizione gastonomica palermitana.
Da San Mattia ai Crociferi si procederà per via Alloro con la Chiesa di S. Maria della Gancia quindi per via del IV Aprile tappa al Museo Enodel Vino per conoscere le più prestigiose etichette della nostra produzione vitivinicola.. Si giungerà quindi a Piazza Marina  dove ha sede il Palazzo Steri, luogo storico dell’ Inquisizione dove sarà possibile vedere il quadro di Guttuso "La Vucciria"; successivamente per via Merlo per visitare le famose cucine dei  cuochi Monsù a Palazzo Mirto. Da Piazza S. Francesco dove c’è l’Antica Focacceria, sino al mercato dei Lattarini ed a Piazza Garraffello con il genio di Palermo per concludere  a Piazza Caracciolo nel cuore della Vucciria, ormai mercato "dimenticato", da sempre tripudio di odori, sapori e colori , dove sarà possibile gustare il popolare "cibo di strada " e rivivere la sua popolarità e le sue tradizioni.  Per l’occasione saranno allestite  le bancarelle   di Claudio " U Purparu " , quella del pane ca meusa di Rocky Basile per finire con quella degli antipasti tipici e le panelle di Zia Pina. Un carretto siciliano conterrà dolci tipici del periodo della festa dei defunti: martorana ed altre leccornie.

performances.jpg

- UN TAXI ALLA VUCCIRIA IN- FAME a cura di Momò Calascibetta

Momò Calascibetta  per la prima volta nel suo processo creativo, ferma l’ attenzione ai bambini assenti, sperduti e soli, i bambini di strada,  esempio di infanzia negata; Le opere scelte sono quelle dei bambini rappresentati insieme alle inquietanti macchine americane degli anni 50, quelle che circolano  tutt’oggi a Cuba; nel  video le sue immagini si mescolano con le realizzazioni fotografiche di Luca Cassarà   che le colloca in  un contesto reale , quello del quartiere della Vucciria di Palermo.
Nel secondo video Momò utilizza le immagini pittoriche dei suoi“ bambini sulle strade del mondo” che,  perduto il modello di riferimento familiare , riflettono senza mediazione le perversioni dell’attuale sistema della società moderna e il semplice, definitivo ed incosciente atto d’accusa contro  “l’homo economicus”, rivelatosi produttore di follia, esclusione, miseria, fame e ingiustizia.
Il cibo è l’elemento conduttore del video sia nel bene che nel male; l’eccesso del cibo è abbinato al concetto di fame, accanto alla voracità delle immagini grottesche quella di  un bambino  alle prese con l’alimento primordiale che è il "pane". 

-NON E’ ARTE a cura di Luca Cassarà

Non è arte è una serie fotografica che nasce dalla frase scritta da un anonimo sulla porta murata di uno dei tanti palazzi nobiliari ormai in totale stato di abbandono. "Amatevi", Memoria", "Altrove," sono alcuni dei nomi delle fotografie che scandite da una musica lenta, scorrono agli occhi dello spettatore accompagnandolo in un intenso viaggio. Un viaggio meditativo tra immagini parole, concetti, che racconta-no i luoghi di una Palermo degradata che affronta con maestosità e dignità il trascorrere del tempo.

 

-LA VUCCIRIA DI GUTTUSO a cura di Giuliano Bastiani

Un percorso dentro l’opera "la Vucciria" di Guttuso per  risaltare i  colori e le atmosfere del mercato storico più famoso della città sopraffatto ormai  da un recupero  edilizio che ne determinerà la sua scomparsa.

-BALARM e TRE MINUTI a cura di Angelo Trapani

Balarm è l’antico nome di Palermo. Questo video non ha la pretesa di raccontare Palermo ai suoi palermitani. E’ solo una sequenza di scatti fotografici che interpretano la voce della città che si ribella ai suoi cittadini, gridando alla voce del riscatto. Tre minuti di un piccolo spaccato di realtà complessa, attraverso una passeggiata per i vicoli del centro sino al mare. Tracce di Palermo e dei suoi abitanti che spesso sfugge alla logica comune ma testimonianza di un passato di fasti.

1-brochure-presentazione.jpg

Bookmark and Share