Cenere

 Un cimitero di cadaveri eccellenti nella mostra itinerante di

Momò Calascibetta

 

C’era una volta un antico maniero. Si ergeva coraggiosamente su un costone roccioso alto e quasi impraticabile. Quando non c’erano automobili, per raggiungerlo occorreva una mezza giornata. Ma, una volta in cima, il paesaggio toglieva il fiato: da un lato il mare infinito, dall’altro una costa verdeggiante e frastagliata. Sembrava il monte su cui il diavolo condusse Cristo per mostrargli le ricchezze della terra: “Se mi adorerai, tutto questo sarà tuo”. A giudicare dalla magnificenza del castello, quella vista incantata aveva dato alla testa ai notabili del luogo. Padroni di un feudo piccolo e remoto, lo avevano scambiato per un regno. Perciò avevano commissionato degli splendidi ritratti, che ne magnificassero le imprese. Oggi quegli uomini non esistono più. I dipinti, però, sono rimasti, e continuano a rivolgerci senza alcun imbarazzo le parole del marchese: “noi siamo noi, e voi non siete un cazzo”. Nel racconto di Dario Orphée e nell’istallazione di Momò Calascibetta, il paese non è Erice, anche se per alcuni aspetti le somiglia, e i signori non incarnano personaggi blasonati: sono solo l’insieme delle figure – critici, collezionisti, galleristi, curatori – che si accompagnano agli artisti come un villaggio fantasma e, al contempo, come un cimitero colorato. Il primo, scrittore, ha evocato in termini grotteschi una mostra nata morta. Il secondo invece i morti li ha risuscitati, esaltandoli in loculi 69×69 cm (i numeri conteranno pur qualcosa) dove i grandi dell’arte sono condannati a ripetere in eterno i medesimi esercizi. La rassegna, Cenere, a cura di Andrea Guastella, verrà presentata nel Polo Museale A. Cordici di Erice, sabato 1 luglio 2018 alle ore 18.00 con una lettura di alcuni brani del racconto di Dario Orphée e con lo svelamento dei ritratti di Momò Calascibetta e rimarrà visitabile sino al 15 luglio. In questa occasione si potranno ammirare per la prima volta, e con l’aggiunta di un inedito, le tavole originali di Momò Calascibetta. Cenere è una mostra itinerante e abbraccerà tra il 2018 e il 2019 i principali siti artistici della Sicilia. Le sedi previste, a parte Erice e Favara, dove la mostra è stata inaugurata lo scorso 18 giugno, sono Gela, Siracusa, Cefalù, Palermo, Termini Imerese, Enna, Catania, Ragusa, Messina, Milano e Lipsia, in Germania.

INFO

-Spazio espositivo: Polo Museale A. Cordici di Erice, (TP)

-Titolo mostra: Cenere

-Artista: Momò Calascibetta e Dario Orphée

-Vernissage: Domenica 1 luglio 2018 ore 18:00

-Data di chiusura: 15 luglio 2018

-orari: dalle 10.00 alle 20.00

-Catalogo: edizione aurea phoenix

-Progetto grafico: Roberto Collodoro

-Curatore: Andrea Guastella

Informazioni :

Link dell’evento

Staff Cenere

artecenere@gmail.com

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il loggin.