Cenere

8 Luglio 2019

 

Ex Convento di San Francesco di Paola

Collegio dei Minimi

Piazza Escrivà

Castelvetrano | Selinunte

10 luglio 2019/10 settembre 2019

ore 19,00/22,00

 

Il Sindaco Enzo Alfano

il Presidente Chiara Modìca Donà dalle Rose

del WORLD INTERNATIONAL SICILIAN HERITAGE

nella qualità di esperto del Comune per la Cultura

in occasione della parziale apertura al pubblico

del Centro Culturale Polivalente

Ex Convento di San Francesco di Paola

Collegio dei Minimi

in collaborazione altresì

con il Presidente Andrea Guastella

dell’Associazione AUREA PHOENIX

con

il Presidente Marco Basseggio

dell’ INTERNATIONAL ATIYOGA FOUNDATION

con

la partecipazione straordinaria di Prima Mai

vi aspettano 

Mercoledì 10 luglio 2019, ore 19.00/22,00

  • ore 19.00 per l’inaugurazione della mostra Personale “ CENERE” con il Maestro MOMÒ’ CALASCIBETTA a cura di Andrea Guastella con la Direzione Artistica di Chiara Modìca Donà dalle Rose;
  • ore 19,30 presentazione del racconto del testo “LA CENERE DELL’ACANTO di Dario Orphée La Mendola;
  • ore 20,00 «LA DANZA DEL VAJARA DEI SEI SPAZI» con la partecipazione straordinaria di Prima Mai e l’INTERNATIONAL ATOYOGA FOUNDATION dopo il San Carlo di Napoli.

 

In un’ottica di compartecipazione massima della cittadinanza con questo luogo che dovrà diventare luogo di aggregazione e di condivisione quotidiana di giovani, adulti ed anziani, la signoria vostra è invitata a donare una pianta grassa in vaso da ornamento della grande corte che dal 10 giugno 2019 tonerà ad essere di tutti e da tutti curata e vissuta.

La Piazza e la via circostante per le ore della manifestazione saranno interdette al traffico per ragioni di sicurezza, in quanto la strada, la piazza e la corte diventeranno un unicum.

Questi tre appuntamenti nel medesimo giorno, sono un piccolo assaggio della progettualità creata da Chiara Modìca Donà dalle Rose nella sua qualità di esperto per legalità e cultura del neo-sindaco di Castelvetrano – Selinunte, Enzo Alfano e del neo-vicesindaco Biagio Virzì.

L’esperta ha scelto come luogo di lavoro e campo di programmazione l’Ex Convento di San Francesco di Paola, ex Convento dei Minimi, ristrutturato nel 2013 e diventato nel corso degli anni un luogo di mera raccolta di documentazione cartacea comunale, archivi storici e notarili pubblici, emeroteca e sede temporanea dello storico Fondo dell’Accademia di Scienze letterarie e arti di Palermo curato dal “Centro Culturale Giuseppe Basile” e dal “Centro Internazionale di Cultura Filosofica Giovanni Gentile”.

L’esperta dopo avere promesso alla cittadinanza ed ottenuto una visuale ottica diretta dalla strada comunale al tempio E ed alla vecchia del parco di Selinunte, con l’ausilio e l’indispensabile aiuto dell’instancabile Corpo della Guardia Forestale e la disponibilità dall’ex direttore del parco di Selinunte, in queste tre settimane ha ascoltato tantissimi castelvetranesi residenti nella loro città natale e, altri, ormai esuli accorsi in città per conoscerla e condividere sogni e ipotesi di rinascita.

L’esperta oltre ad avere redatto ed organizzato un cartellone di iniziative sul territorio di Castelvetrano – Selinunte di concerto con il Sindaco, si è messa subito all’opera per la realizzazione di tre progetti che portano il suo nome ed il suo marchio per marcare l’identità forte ed autentica di Castelvetrano- Selinunte, unitamente alla sua originaria vocazione, in questi ultimi cinquanta anni fortemente compromessa e dimenticata:

  • POLO MUSEALE DELL’ARCHEOLOGIA DEL PAESAGGIO: la creazione al primo piano di un “Polo Museale dell’Archeologia del Paesaggio” dentro il Convento di San Francesco di Paola ex Collegio dei Minimi che vedrà la luce, verosimilmente, nei primi mesi del 2020. Il museo sarà suddiviso in archeologia, medioevo, rinascimento, arte moderna ed arte contemporanea con una sezione dedicata al grande pittore castelvetranese, il Pardo, ed al Neopardismo in chiave contemporanea. A fare da cornice al museo le librerie sigillate, contenenti i testi dello storico Fondo dell’Accademia di Scienze letterarie e arti di Palermo che sarà possibile consultare solo sotto la stretta vigilanza del “Centro Culturale Giuseppe Basile” e dal “Centro Internazionale di Cultura Filosofica Giovanni Gentile”. Al piano terra, invece, nel ex refettorio, uno spazio dedicato a mostre temporanee con un particolare focus sull’arte contemporanea e sull’architettura del paesaggio di ieri e di oggi.
  • Sempre in stretto collegamento con il neo Polo Museale una sezione dedicata all’archeologia industriale e del paesaggio archeologico delle antiche litorine che attraversavano il parco di Selinunte e tutta la Sicilia da nord a su, da est a ovest. Ad arricchire il museo sarà in particolare la donazione della pregiatissima collezione del Sig. Ingoglia completa di foto introvabili, documenti e manuali e testi dai primordi delle ferrovie italiane sino alla totale dismissione delle locomotive, delle carrozze e delle mitiche litorine. Tale donazione al museo è di grande stimolo per il grande museo a cielo aperto in fase ultima di lavorazione nella vicina stazione ferroviaria, proprio dietro il futuro Polo Museale al Convento di San Francesco di Paola;
  • Tra le tante iniziative dell’esperto, il sogno di portare attivare le litorine per una rispettosa e bucolica veduta dei templi dentro il Parco di Selinunte.
  • Sempre nell’ambito della valorizzazione del paesaggio archeologico, ove per archeologico si intende anche il comparto agricolo/industriale del passato, l’esperta sta ponendo le basi con numerosi castelvetranesi che si sono resi disponibili, di iniziare e segnare un percorso denominato “LA VIA DEI MULINI” che sia un viaggio nella biodiversità e bellezza delle più svariate tipologie di grano siciliano, patrimonio di eccezionale valore biologico ed economico di questa terra. Tale percorso sarà aperto alle ippovie ed alle piste ciclabili con la finalità di destagionalizzare il turismo nei mesi meno caldi e più fioriti;
  • L’esperta sta studiando una ipotesi concreta di percorso da Partanna a Castelvetrano per valorizzare le vasche ed i pozzi selinuntini che si auspica possano essere seguiti dalla sede del FAI di Castelvetrano, emulando la lodevole esperienza del FAI nel cuore del parco di Agrigento.

*** *** ***

  • CREAZIONE DI UN “POLO UNIVERSITARIO INTERNAZIONALE MEDITERRANO DI ARCHEOLOGIA E DI ARCHEOLOGIA SUBACQUEA E DELLE SCIENZE E TECNOLOGIE AL SERVIZIO DELL’ARCHEOLOGIA”: WISH World International Sicilian Heritage promuove l’identità mediterranea siciliana nel mondo e, nell’ambito delle progettualità ed attività del quinquennio 2017/2021, dopo avere organizzato BIAS 2016 in ben 14 luoghi del centro storico di Palermo di cui ha curato la riapertura, nel 2018 ha promosso la BIAS 2020 arrivando ad aprire ben 24 siti di particolare valore culturale in tutta la Sicilia e in Israele Palestina ed in Egitto, nel Veneto, in Umbria ed in Piemonte. Nell’ambito della BIAS 2018 , WISH ha ideato ed organizzato la Convention di Architettura “The Gate: il the secret garden” a Salemi/Gibellina con la partecipazione di 40 università di architettura provenienti da tutto il mondo, con un coinvolgimento diretto ed esecutivo dell’università di architettura di Venezia e del Politecnico di Torino e di Milano. Sempre nel 2018 ha promosso la conferenza mondiale di botanica nel Parco di Selinunte dal titolo “Dal Paesaggio naturale al paesaggio Culturale con la partecipazione di più di cento esperti e cattedratici provenienti da tutto il mondo di botanica. Sulla scorta delle attività già intraprese negli anni passati, dell’esperienza sul campo quale amministratore dell’università di Venezia, l’esperta ha analizzato un’altra dinamica operante in Sicilia, ossia la forte emigrazione dai paesi del Nord d’Africa in Sicilia, cercando di trasformare di necessità in virtù, ossia di creare un Polo Universitario specialistico nell’archeologia e nelle scienza al servizio di essa, su terra e sotto il mare, nelle lingue del Mediterraneo, ossia con corsi in Italiano, Francese, Spagnolo, Greco moderno, Arabo, Turco, Persiano ed Ebraico. Le finalità sono principalmente trasformare Marinella, Triscina, e Castelvetrano in una eccellenza nel panorama dei poli universitari internazionali, impiegare studenti dell’intero bacino mediterraneo nella scoperta funzionale e programmata, dagli scavi, l’ingegneria del recupero nei fondali marini, alla conservazione, alla chimica del restauro, sino alla musealizzazione sotto vuoto o in plein air. In poche parole ridare centralità e ruolo strategico culturale e di sviluppo economico e turistico alla Sicilia che guarda all’Africa ed impiegare forza lavoro e specializzazione proveniente dal comparto immigrazione per valorizzare il nostro territorio;

*** *** ***

  • TRISCINA: ARCHITETTURA ARCHEOLOGICA DEL XIX SECOLO:

L’esperta ha analizzato il complesso caso di Triscina e i fascicoli che di ogni manufatto si sono via via formati. Dopo una lunga disamina e numerose consultazioni con gli organi di governo del territorio, unità alla difficoltà emersa in corso d’opera di portare a termine la demolizione delle costruzioni raggiunte da ordinanza di demolizione senza rischio di danni ambientali, considerata la presenza di amianto nelle case stesse e il mancato studio approfondito di ogni manufatto tale da poter procedere ad una sicura demolizione, unito altresì alla circostanza di una evidente situazione di contrasto di norme di legge e di casi estremi di case vendute dallo Stato all’Asta e poi dichiarate abusive, oltre alla circostanza che per alcuni residenti è l’unica dimora di residenza . Tutto ciò premesso, unitamente ad altre considerazioni ben più complesse e gravose l’esperto ha proposto di optare per la demolizione strutturata e programmata a regola d’arte con la scoperchiatura casa per casa del tetto, poi l’esporto di amianto, vetro e alluminio come rifiuti speciali e in seguito la restituzione alla natura del paesaggio del XIX secolo quale archeologia futura con il riempimento all’interno di giardini esotici, sabbia e profumi.

Il suddetto progetto sarà oggetto, per la sua fase esecutiva, di un concorso internazionale di idee che chiamerà alle “armi”, urbanisti del futuro, architetti, ingegneri, paesaggisti, botanici, artisti, curatori. Lentamente la natura, con l’aiuto dell’uomo, si riapproprierà del suo spazio come più di 2000 anni fa fece nell’oggi parco di Selinunte.

*** *** ***

  • NOTTE DELL’ARCHEOLOGIA VIVENTE: nel mese di agosto, alla luce della Luna Piena, WISH promuoverà un evento unico al mondo che vedrà la collaborazione dei parchi archeologici che si renderanno disponibili per un pranzo vestito di rosso, con il pane rosso della Valle del Belice, a significare il rosso della vita e del colore del templi di Selinunte. I partecipanti a coppie dovranno rigorosamente vestirsi di rosso, munirsi di un tavolo quadrato trasportabile, di due sedie, la tovaglia rossa, i coeprti, un candelabro con candele rosse e la cesta da pic-nic con la cena preparata. La loro entrata sarà contingentata da volontari che a gruppi di 12 li seguiranno e coordineranno nel posizionamento dei tavoli a formare un lungo serpente ai piedi dei templi. Alla fine della serata ogni partecipante dovrà avere cura di lasciare il luogo perfettamente pulito. In questa notte verranno rievocate le genti di un tempo, le religioni perdute rivivranno nelle nostre tavole e nella nostra comunità loco et foco.

Ma tornando alla serata del 10 giugno 2019 alle ore 19,00 verrà inaugurata la mostra del Maestro Momò Calascibetta, dal curioso titolo “Cenere”. E’ una complessa e criptica riflessione sullo stato dell’arte contemporanea, con un forte riferimento agli operatori dell’arte, un sorte di corte di “Dei” dal sapore e dal tenore contemporaneo con la vocazione a diventare archeologia nel futuro. La tecnica pittorica è apparentemente quella della caricatura di personaggi reali viventi ma in realtà molteplici riferimenti iconografici evidenziano la portata del lavoro e la profondità dello stesso mirante ad una riflessione e ad un dialogo sempre più intenso tra arte e matrici del passato con la produzione contemporanea.

La presentazione della mostra sarà occasione per la presentazione del catalogo e una lectio magistralis della sottoscritta, del curatore e dell’artista.

La sera stessa con la Fondazione “International AtiYoga Foundation” partner attivo di Wish Fondazione Donà dalle Rose per BIAS 2020 per il Padiglione Buddista sul tema del “the game: il tempo del gioco, il gioco del tempo”. La Fondazione in collaborazione con BIAS 2020 organizza la “danza del Vajara dei Sei spazi” con un mandala del diametro di 10 metri di stoffa dove verrà eseguita la danza stessa a cui verranno chiamati a partecipare gli spettatori e la cittadinanza stessa. Sarà occasione per presentare il Bando BIAS 2020.

Qui di seguito il concept della mostra che verrà allestita tra il 4 ed il 9 di luglio con vernissage previsto per il 10 sera alle 19.00 con apertura al pubblico dell’Ex refettorio del Collegio dei Minimi ed apertura della Corte di accesso e del portone grande. L’apertura è prevista sino alle 22.00.

ABSTRACT

Concepita da un pittore che opera da oltre un trentennio con personali e collettive di grande spessore e da un giovane scrittore, la mostra racconta il panorama artistico siciliano – da sempre “serra calda” di innovative elaborazioni culturali – in chiave “teatrale”, eleggendolo a immagine di un mondo, quello dell’arte, il quale, lungi da appartenere ai soli artisti, è guidato da figure che, obbedendo a logiche rigidamente commerciali, sovente riducono gli autori (e le loro opere) ad ingranaggi, meccanismi di un sistema incomprensibile come, agli occhi dei profani, le oscillazioni della borsa.

Dario Orphée La Mendola, in particolare, ha raccontato in un suo scritto, La cenere dell’acanto, di una mostra in Sicilia nata morta.

Momò Calascibetta invece i morti li ha risuscitati, esaltandoli in riquadri dove i “signori dell’arte” senza riferimenti personali ma presi in prestito all’immaginaria rappresentazione dello stato dell’arte oggi divengono figure allegoriche di un presente che, immortalato, diventerà passato nella sua irreversibile fissità.

La cifra stilistica dei lavori è improntata all’ironia socratica, nel pieno rispetto di una tradizione pittorica “alta”, ma senza escludere anzi usando spesso con spirito giocoso i linguaggi contemporanei.

Tematiche

Dove va l’arte oggi? Ha ancora un senso dedicarsi al disegno e alla pittura? I veri artisti, chi sono? E soprattutto, chi controlla i controllori? La mostra non fornisce risposta. Perché all’Accademia della Belle Arti si studia composizione, pittura, scultura, fotografia, storia dell’arte quando per il mercato dell’arte, più ghiotto, sovente non è richiesta la conoscenza ma l’aderenza ad un rigoroso e leggero minimale rapporto con la finanza e la politica che la sostiene. I titoli, le conoscenze sono giudicate come catene di un sapere che in modo autoreferenziale sembrano essere malattie infettive da debellare. Si limita a condurre gli spettatori al centro di problematiche contemporanee ma dall’evidente risvolto universale, quali il rapporto dell’uomo con lo scorrere del tempo e l’inevitabile trionfo della morte che, come nel famoso affresco di Palazzo Abatellis, annichilisce gli individui e le loro creazioni. Il tutto entro la cornice di una terra – la Sicilia – che ha sempre avuto con la morte un rapporto, se così si può dire, di amicizia e confidenza. Dopo la morte cosa lascerà il nostro tempo ai grandi temi dell’arte.

Opere

Le maschere raffigurano per speculum in aenigmate personalità del mondo dell’arte italiano e più piccolo, siciliano, (mecenati, collezionisti, galleristi, direttori amministrativi, curatori, ecc.) nei loro vizi capitali e nelle loro virtù, allegoricamente disegnate senza riferimento personale a nessuno di essi. E tuttavia, come il titolo stesso suggerisce, l’identità dei soggetti effigiati è cenere, un guscio da scartare. Essi esistono, o credono di esistere, solo perché uno o l’altro degli autori ha avuto un qualche rapporto con individui reali e sembra aver conservato ricordi delle loro fattezze. L’idea stessa che esista un sistema dell’arte siciliano è evocata allo scopo di destare ilarità ma anche compiacimento per coloro che l’arte l’hanno salvata veramente, o almeno di ci provano. La denuncia degli artisti va molto al di là: muove dalla loro esperienza personale per riflettere a voce alta sul rapporto tra arte e potere, tra potenzialità e possibilità. Nessuno, in ogni caso, è citato in modo esplicito, il che determina nello spettatore un profondo coinvolgimento personale, che non esclude anzi incoraggia i processi di identificazione indipendentemente dai visi presi solo in prestito.

Spazi

La mostra prevede, nell’antico refettorio sito al piano terra del Collegio dei Minimi, Ex Collegio di San Francesco di Paola, l’istallazione di un polittico di legno con diciannove riquadri di 69×69 cm cadauno e una “porta della morte”. I riquadri sono decorati con santini, fiori finti, lumini, oggettistica Kitsch. Fanno inoltre parte del complesso 50 ex voto di formato variabile e di libero montaggio con versioni alternative dei medesimi soggetti; una fenice simbolo di resurrezione da collocare alla fine del percorso e un leggio, illuminato da luci di scena, con il testo de La cenere dell’acanto.

L’installazione sarà effettuata in loco, determinando il formarsi, nel sito espositivo, di un’atmosfera curiosa. La co-curatela dell’esperto nominato dal sindaco per legalità e cultura Chiara Modìca Donà dalle Rose, ideatrice della mostra a Castelvetrano e della creazione di un nuovo Polo Museale Comunale, ha commissionato tre figure inedite della mostra itinerante Cenere di tre notissimi esperti di arte italiani, rendendo ancora più ampio e scenografico il contesto teatrale dell’istallazione con l’ausilio di strumenti atti a rianimare lo stato dell’arte ed a seppellire ciò che non ne ha permesso il suo normale corso.

Tempi

In tempi di mostre per soli addetti ai lavori (a meno che non si tratti di rassegne commerciali) Cenere intende raggiungere quanti più visitatori possibile. Per tale ragione la rassegna è itinerante per i principali musei della Sicilia. Inaugurata presso la Farm di Favara, essa ha già toccato il Polo Museale A. Cordici di Erice, l’ex chiesa di San Giovanni a Gela, Palazzo La Rocca a Ragusa, il Museo Mandralisca a Cefalù, Palazzo Beneventano a Lentini, il Museo Civico di Termini Imerese, il Museo Riso a Palermo, nella sede della Cappella dell’Incoronata e, finalmente in piena stagione stiva, Castelvetrano Selinunte dal 10 giugno al 10 settembre 2019. Sono inoltre previste una tappa italiana e una europea.

Modalità

Rassegna dal carattere didattico e interdisciplinare, Cenere mira al coinvolgimento integrale del pubblico mediante presentazione della pubblicazione La Cenere dell’Acanto, performance, concerti, drammatizzazioni, video esplicativi (vedi Cenere on the road) e un docufilm in corso di realizzazione.

Curricula

Bio Momò Calascibetta

Momò Calascibetta nasce a Palermo in vicolo del Forno. Si laurea in architettura con Gregotti e Pollini ma sceglie di dedicarsi esclusivamente alla pittura.

Pittura che Leonardo Sciascia definirà “come il racconto dettagliato dell’imbestiamento di una classe di potere già sufficientemente imbestiata nella più lata avarizia e nella più lata rapacità”.

Il mondo dei sogni di Momò è abitato da draghi-unicorno, idoli arcani, sogghignanti coccodrilli, giunoniche domatrici, sfrenate tauromachie e toreri evanescenti come lemuri, cavalieri dimentichi e addormentati, minotauri ingentiliti infiammati di passione amorosa, voluttà debordante, lascivia e ingordigia.

I suoi personaggi hanno assistito “alla caduta degli dei” ma conservano l’imprinting del mito più alto; i suoi “relitti umani” divorano con cupidigia, godono e si preparano all’atto unico, forse finale, dell’effusione amorosa, della totale consunzione carnale dell’individuo, del deliquio dei sensi nella sfrenatezza di un’avida passione.

Nel 1982 si trasferisce a Milano dove nascono tematiche come “Comiso Park”, “Piazza della Vergogna”, “De l’Amour”, “Labirinto Verticale”, “Terromnia” che troveranno spazi espositivi alla Fondazione Corrente, Fondazione Mudima, Galleria Jannone, Galleria Philippe Daverio, ed in fiere internazionali d’arte: Arte Fiera di Bologna, MiArt, Artexpo New York Coliseum, Art Basel, Arco Fiera di Madrid.

Nel 2002 la Fondazione Mudima, a cura di Philippe Daverio, organizza una mostra-evento dal titolo “Terromnia”, dove vengono esposte per la prima volta le sculture e le opere più rappresentative di tutte le tematiche. La mostra susciterà l’interesse di numerosi critici e personaggi che animano la vita culturale meneghina tra i quali Gillo Dorfles, Alessandro Riva, Marco Meneguzzo, Liana Bortolon e Giovanni Quadrio Curzio.

Nel 2004 è stato ospite con le sue opere alla trasmissione Passepartout di Philippe Daverio su RAI 3 e nel 2005 un suo grande lavoro “Il gelato di Tariq” viene utilizzato per l’allestimento del set delle nove trasmissioni estive di Passpartout.

Durante la Biennale di Venezia del 2005 Momò, con altri curatori, organizza il Progetto “Esserci al Padiglione Italia”, evento che ha voluto lanciare un messaggio alla Biennale puntualizzando che l’arte italiana è ammorbata da una volontà dominante verso il crescente dilagare di uno sporco e corrotto mercato dell’arte. Nel settembre 2005 partecipa al grande progetto Plotart a cura di Gianluca Marziani e Massimo Lupoli che lo coinvolge in diverse gallerie d’arte contemporanea in Europa (Studio Senko-Danimarca, Dot Galerie-Svizzera, Fondazione Carlo Molineris-Svizzera, Galerie kiron -Francia, Rar Galerie-Olanda, Galerie Hartdiest-Belgio, Galerìe Blanca Soto-Spagna, Galleria Arturarte-Italia, Centro Multimeios-Portogallo, La Sala Naranja-Spagna. Nel 2007 al Museo Mandralisca di Cefalù un’antologica intorno al tema del “sorriso” a cura di Vincenzo Consolo e nel 2009 l’acquisizione di una sua opera al Museo “Renato Guttuso” di Villa Cattolica. Nel 2016 “Momeide”, un’antologica a Palazzo Zacco a Ragusa a cura di Andrea Guastella e nel 2017 un’istallazione alla Farm Cultural Park di Favara da titolo provocatorio Agrigentèrotique a cura di Dario Orphée.

Gli elementi e le radici della sua sicilitudine sono stati sottolineati con testi di Sciascia, Bufalino, Consolo, scrittori che lo hanno sostenuto nel suo viaggio creativo. Nell’opera di Momò, da Mario de Micheli a Giorgio Soavi, da Dentice a Testori, da Philippe Daverio a Gillo Dorfles e Marco Meneguzzo, sono state individuate le caratteristiche ed i canoni del grande e raro disegnatore satirico.

Bio Dario Orphée

Nato ad Agrigento. Ha conseguito la maturità scientifica e la laurea magistrale in filosofia. Insegna Estetica ed Etica della Comunicazione presso l’Accademia di Belle Arti di Agrigento e Progettazione delle professionalità presso l’Accademia di Belle Arti di Catania.

Critico e curatore indipendente. Collabora con numerose riviste, scrivendo di critica d’arte e teatrale, estetica, filosofia della natura e filosofia dell’agricoltura, tra cui “Segno”, “Il Pickwick”, “Permacultura & Transizione” e “Balarm”. Si sta occupando dello studio del sentimento, di gnoseologia dell’arte, estetica ecobiologica e scienze naturali.

Bio Andrea Guastella

Nato a Ragusa il 17-08-1973, si è laureato in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Catania nel 1996 col massimo dei voti e lode. La sua tesi su Giuseppe Ungaretti e Jacopone da Todi (Il futuro della tradizione – Ungaretti e Jacopone) è stata poi integralmente pubblicata nel numero di settembre/dicembre 1998 del quadrimestrale di critica “Otto/novecento”. Sempre sulla stessa rivista, ha pubblicato il saggio Il copione del “San Francesco d’Assisi” e la “fiaba” francescana. Appunti sul Gozzano cineasta e narratore per l’infanzia (gennaio/aprile 1999). Sul numero 1/97 della rivista “Proteo” è uscito il suo studio Dopo il diluvio: figure di animali nel canzoniere ungarettiano. Su Quasimodo ha scritto il saggio Il muro metafisico e la siepe leopardiana nell’Isola di Salvatore Quasimodo per Un dono in forma di parole, studi dedicati a Giuseppe Savoca (Genova, Agorà, 2002). Il primo contributo su Ungaretti, unitamente alla relazione letta presso il Seminario Internazionale Giuseppe Ungaretti, In memoria, Roma, “La Sapienza”,1 giugno 2000 (Il miracolo è parola. Ungaretti e Blake) e a un saggio inedito (Il nome ritrovato. Le metamorfosi di Dunja), è stato pubblicato nel suo libro Il futuro della memoria. Tre studi su Ungaretti (Catania, Cuecm, 2003), gli altri interventi sono stati invece raccolti con altri inediti nel volume La risposta futura (Ismeca, 2012). Per le Edizioni Studium è autore del libro Il respiro della vita. Invito alla lettura di Biagia Marniti (Roma, 2001), con in appendice diciannove lettere inedite di Alba de Céspedes a Biagia Marniti e un carteggio anch’esso inedito della Marniti con Giuseppe Ungaretti (1954-1957). Nel 2009 ha curato il convegno nazionale di studi I volti di Medea (Ragusa, Liceo Classico-Cinema Lumière). Ha inoltre lavorato con Emanuele Schembari a una antologia di poeti siciliani contemporanei, Dalla lama del giorno, tradotta e pubblicata in Romania (Editura Nona, 2002). Dirige con Giuseppe Fava la collana di poesia “Due Righe” per l’editore Libroitaliano. Come poeta in proprio è autore delle sillogi La camera quadrata (Libroitaliano, 2002) e Il mare d’erba (Aurea Phoenix Edizioni, 2015). Ha curato per due anni la rubrica Parola d’autore del bimestrale romano “Cultura & Libri”. Ha collaborato con le riviste “Studi Cattolici”, “Fogli”, “ClanDestino” e con il quotidiano “La Sicilia”, su cui ha licenziato vari articoli di interesse artistico e letterario. Molti di questi testi sono poi confluiti nel volume Il muro e la notte (Ismeca, 2011). È stato poi redattore della rivista “Pagine dal Sud”, per cui ha stilato una rubrica di arte, e degli annali del Centro Studi Feliciano Rossitto, per i cui tipi ha pubblicato i volumi Occhipinti e la critica (2006) e Franco Antonio Belgiorno: L’uomo, il giornalista, lo scrittore (2009). È stato redattore della rivista di arte e letteratura “Trasmigrazioni” e membro dell’Editorial Board della rivista “Ippocrene” (vedi anche www.ippocrene.com). Collabora all’almanacco d’arte “Plumelia”. Si è occupato dei beni archeologici presenti nel territorio ibleo e ha preso parte come relatore a un congresso tenutosi a Tunisi (febbraio 2008) sulle epigrafi e i mosaici romani del tardo impero, riferendo sui litostrati nella villa retina del Tellaro in un intervento pubblicato sui “Quaderni Sallustiani”. Ha partecipato come relatore a svariati convegni di argomento artistico, tra cui l’ultimo dedicato dalla Città di Ragusa a Carmelo Cappello. Dal gennaio 2002 è dottore di ricerca in Italianistica. La sua tesi di dottorato, Parole di Ungaretti traduttore, è confluita nella Concordanza delle traduzioni poetiche di Giuseppe Ungaretti (Olschki, 2003), pubblicata per le cure sue e di Giuseppe Savoca. Già organizzatore di eventi (suo il coordinamento del Convegno Internazionale Le mille vite della musica, chi fa e chi usa le parole e i suoni, Castello di Urio, 1997) ed editor presso la R.C.S. Libri (Gruppo Rizzoli) e le edizioni Ares di Milano, è cultore di Letteratura italiana contemporanea e membro della commissione esaminatrice della suddetta disciplina presso l’Università di Catania. È docente a tempo indeterminato di Storia dell’arte presso il Liceo Classico Umberto I di Ragusa. A partire dai primi anni 2000 si è principalmente interessato di arti figurative in veste di critico e di curatore. I suoi interventi sono stati raccolti nei volumi Viaggio a Sud Est (Ismeca, 2011), Un altro viaggio (Ismeca, 2013), Il ramo verde (Aurea Phoenix Edizioni, 2015), Sogni (Aurea Phoenix Edizioni, 2017) e nel volume appena edito Mondi fantastici (Aurea Phoenix Edizioni, 2018). Del 2009 il volume di storia del cinema Un idolo in controluce. Enzo Battaglia (con Domenico Monetti e Luca Pallanch, Elledue) e del 2011 il volume tra poesia e prosa Storia di San Giorgi Cavalieri (MitoMania Edizioni). Nel 2014 è invece uscita la monografia Il sonno della ragione. Colloquio con Franco Cilia (Aurea Phoenix Edizioni). Presidente dell’Associazione Aurea Phoenix dal 2013, cura da tre anni gli eventi culturali della Civica Raccolta Carmelo Cappello di Ragusa, presso cui ha organizzato decine di rassegne espositive. Ha firmato, tra le altre, monografie di Calascibetta, Guccione, Caruso, Ciulla, Iudice, La Cognata, Vespignani, Cilia, Sarnari, Robustelli, ecc. Ha inoltre realizzato come autore numerosi documentari su artisti contemporanei. Attualmente lavora col regista Vincenzo Cascone a un docufilm su Carmelo Cappello.

INFORMAZIONI

  • Titolo : CENERE
  • Autori : Momò Calascibetta e Dario Orphée La Mendola
  • Curatore : Andrea Guastella
  • Direzione artistica: Chiara Modìca Donà dalle Rose
  • Luogo : Ex convento San Francesco di Paola - Piazza Escrivà - Castelvetrano (TP)
  • Inaugurazione: mercoledì 10 luglio 2019, ore 18.00
  • Durata : 10 luglio -10 settembre 2019
  • Foto : Gerlando Sciortino e Franco Noto
  • Cortometraggio CENERE : Regia di Tommaso Lusena- Musiche  Enza Lauricella, Filippo Calascibetta, Roberto Barbieri Protagonista Momò Calascibetta - Testi  Dario Orphée - Voce narrante Luca Cardinale -Animazioni grafiche Alessandro Castriciano e Silvia Nardo-Assistenza e supporto informatico Formattatoio club-Postproduzione Cinematique Production - Realizzazione  Cimatique Production
  • Progetto grafico :  Roberto Collodoro
  • Catalogo :  pubblicazione alla fine del tour
  • Organizzazione tecnica : Salvo Sciortino
  • Orari di apertura : lunedì - venerdì  9.00 - 13.00
  • Ingresso gratuito
  • Ufficiostampa : PaolaFeltrinelli 
  •  paolafeltrinelli79@gmail.com 
  • Staff Cenere artecenere@gmail.com

Cenere a Palermo

9 Maggio 2019


Il Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo
presenta
CENERE
una installazione
di
Momò Calascibetta
e un racconto di
Dario Orphée La Mendola
dal 23 maggio al 13 giugno 2019
 a cura di
Andrea Guastella
 Inaugurazione
Giovedì 23 maggio 2019
Ore 18.00

Palermo
Cappella dell’Incoronata
Via dell’Incoronazione, 13 Palermo –

Giovedì 23 maggio 2019 alle ore 18.00 negli spazi della Cappella dell’Incoronata (Via dell’Incoronazione, 13), il Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo presenta la mostra di Momò Calascibetta e Dario Orphée La Mendola dal titolo Cenere, curata da Andrea Guastella.

Concepita da un pittore espressionista, ironico e dissacrante, e da un giovane scrittore, Cenere è una riflessione sul sistema dell’arte siciliana – da sempre “serra calda” di innovative elaborazioni culturali – e in generale sul rapporto tra arte e potere.
Come in un retablo medioevale, le effigi dei “potenti” – critici, galleristi, collezionisti, curatori, direttori di museo –sono difatti immortalate in una macchina scenica riproducente un curioso cimitero. A questa installazione, composta da diciannove riquadri di 69×69 cm cadauno con santini, fiori finti, lumini, oggettistica Kitsche una “porta della morte”, si accompagnano un autoritratto di Momò Calascibetta, alcuni “ex voto”, una scultura simbolica, un leggio con un racconto di Dario Orphée La Mendola e un video illustrativo.
Dove va l’arte oggi? Ha ancora un senso dedicarsi al disegno e alla pittura? Chi controlla i controllori? Cenere non fornisce risposta. Si limita a condurre gli spettatori al centro di problematiche contemporanee ma dall’evidente risvolto universale quali il rapporto con lo scorrere del tempo e l’inevitabile trionfo della morte che, come nel famoso affresco di Palazzo Abatellis, annichilisce gli individui e le loro aspirazioni.
La rassegna, itinerante, inaugurata alla Farm di Favara nel giugno 2018, ha già toccato il Polo Museale A. Cordici di Erice, l’ex chiesa di San Giovanni a Gela, Palazzo La Rocca a Ragusa, il Museo Mandralisca a Cefalù, Palazzo Beneventano a Lentini e il Museo Civico di Termini Imerese.
Momò Calascibetta nasce a Palermo. Si laurea in architettura con Gregotti ma sceglie di dedicarsi esclusivamente alla pittura; pittura che Leonardo Sciascia definirà “il racconto dettagliato dell’imbestiamento di una classe di potere già sufficientemente imbestiata nella più lata avarizia e nella più lata rapacità…”. I suoi personaggi hanno assistito “alla caduta degli dei” ma conservano l’imprinting del mito più alto; i suoi “relitti umani” divorano con cupidigia, godono e si preparano all’atto unico, forse finale, dell’effusione amorosa, della totale consunzione carnale dell’individuo, del deliquio dei sensi nella sfrenatezza di un’avida passione. Nel 1982 si trasferisce a Milano dove nascono Comiso Park, Piazza della Vergogna, De l’amour, Labirinto Verticale: serie di opere che verranno esposte alla Fondazione Corrente, alla Fondazione Mudima, alla Galleria Jannone, alla Galleria Daverio ed in fiere internazionali come Arte Fiera di Bologna, MiArt, Artexpo New York Coliseum, Art Basel, Arco Fiera di Madrid. Nel 2002 la Fondazione Mudima, a cura di Philippe Daverio, organizza una mostra-evento dal titolo Terromnia, dove vengono per la prima volta raccolte le sculture e i dipinti più rappresentativi di tutte le serie. La mostra susciterà l’interesse di Gillo Dorfles, Alessandro Riva, Marco Meneguzzo, Liana Bortolon e Giovanni Quadrio Curzio. Nel 2004 è ospite coi suoi lavori alla trasmissione Passepartout di Philippe Daverio su RAI 3 e nel 2005 un suo grande dipinto, Il gelato di Tariq, viene utilizzato per l’allestimento del set delle nove trasmissioni estive di Passepartout. Memorabile la sua esperienza di (non) partecipazione alla Biennale di Venezia del 2005, in occasione della quale organizza il progetto collaterale Esserci al Padiglione Italia, mostra di protesta contro un “mondo dell’arte” dominato da lobby finanziarie cieche ed arroganti, sempre più separate dalla vita reale. Nel 2005 col progetto Plotart a cura di Gianluca Marziani è coinvolto in diverse gallerie d’arte in Europa (Studio Senko, Danimarca; Dot Galerie, Svizzera; Fondazione Carlo Molineris, Svizzera; GalerieKiron, Francia; RarGalerie, Olanda; GalerieHartdiest, Belgio; Blanca Soto, Spagna; Galleria Arturarte, Italia; La Sala Naranja, Spagna). Data al 2007 un’antologica intorno al tema del “sorriso” a cura di Vincenzo Consolo al Museo Mandralisca di Cefalù e al 2009 l’acquisizione di una sua opera al Museo Guttuso di Bagheria. Nel 2016 è il turno di Momeide, un’antologica alla Civica Raccolta Cappello a Ragusa, a cura di Andrea Guastella, e nel 2017 di un’istallazione alla Farm Cultural Park di Favara da titolo provocatorio Agrigentèrotique, a cura di Dario Orphée. Cenere, l’ultimo progetto itinerante realizzato in collaborazione con lo scrittore Dario Orphée e a cura di Andrea Guastella, lo vede presente dal 2018 al 2019 nei principali siti espositivi e musei della Sicilia, terra in cui l’artista, come hanno rilevato Sciascia, Bufalino e Consolo, è profondamente radicato. E anche in questo ciclo non vengono meno i tratti del disegnatore satirico di razza evidenziati un po’ da tutti i critici – da de Micheli a Soavi, da Dentice a Testori, da Daverio a Dorfles a Meneguzzo – che lo hanno seguito da vicino.
Dario Orphée Nasce ad Agrigento, dove ha conseguito la maturità scientifica e la laurea magistrale in filosofia. Insegna Estetica ed Etica della Comunicazione presso l’Accademia di Belle Arti di Agrigento e Progettazione delle Professionalità presso l’Accademia di Belle Arti di Catania. Critico e curatore indipendente, collabora con numerose riviste – scrivendo di critica d’arte e teatrale, estetica, filosofia della natura e filosofia dell’agricoltura – tra cui “Segno”, “Il Pickwick”, “Permacultura& Transizione” e “Balarm”. Attualmente si occupa dello studio del sentimento, di gnoseologia dell’arte, di estetica ecobiologica e di scienze naturali.

Studio per Cenere-cm.39×30.3-pastello2018
INFORMAZIONI
  • Titolo : CENERE
  • Autori : Momò Calascibetta e Dario Orphée La Mendola
  • Curatore : Andrea Guastella
  • Luogo : Cappella dell’Incoronata
  • Inaugurazione : giovedì 23 maggio 2019, ore 18.00
  • Durata : 23 maggio-13 giugno 2019
  • Foto : Gerlando Sciortino e Franco Noto
  • Musiche originali in Silent WIFI : a cura di Silent Sicilia-Vincenzo La Barbera
  • Cortometraggio CENERE : Regia di Tommaso Lusena- Musiche  Enza Lauricella, Filippo Calascibetta, Roberto Barbieri - Protagonista Momò Calascibetta - Testi  Dario Orphée - Voce narrante Luca Cardinale - Animazioni grafiche Alessandro Castriciano e Silvia Nardo- Postproduzione Cinematique Production -Realizzato da Cimatique Production
  • Progetto grafico :  Roberto Collodoro
  • Catalogo :  pubblicazione alla fine del tour
  • Organizzazione tecnica : Salvo Sciortino
  • Orari di apertura : lunedì - venerdì  9.00 - 13.00
  • Chiuso : sabato, domenica, festivi
  • Ingresso gratuito
  • Ufficiostampa : PaolaFeltrinelli   
  •  paolafeltrinelli79@gmail.com 
  • Staff Cenere : artecenere@gmail.com
  • tod’s

Cenere al “Coppola”. Per coppole scoppolate e bambole copulate

25 Aprile 2019

 

Cenere

una installazione di Momò Calascibetta e un racconto di Dario Orphée

teschio-nero-su-bianco-copia

L’appuntamento è il 2 maggio, al Teatro Coppola di Catania, alle ore 19:00, obbligatoriamente vestiti a festa e abbondantemente profumati. I partecipanti al funerale riceveranno in dono un mazzo di fiori di plastica, e saranno accompagnati da tre defunti presso il palco, laddove verranno accolti dal saluto del curatore di anime peccatrici Andrea Guastella, fruiranno dei loculi del pittore Momò Calascibetta, siciliano per caso, e assisteranno alla presentazione del libro intitolato “La cenere dell’acanto” (Aurea Phoenix Edizioni), scritta dallo scribacchino Dario Orphée La Mendola. Alcune copie saranno disponibili in sede, al costo di un bacio e di un cioccolatino. Nel corso della serata andrà in scena “La conferenza dell’incongruenza”, sui paradossi dell’arte contemporanea. Al botteghino del teatro troverete un simpatico becchino, che avidamente raccoglierà le vostre generose offerte.

450

Venghino signori, venghino! Approda a Catania “Cenere”, l’attesissima mostra dell’anno, dedicata al mistero della vita. Troverete autoscontri, impiccagioni, montagne russe, supereroi, aeroplanini, serpenti, pagliacci, cozze scoppiate, addestratori di cavalli, cani da caccia, aspirapolveri, mangiatori di panna, pellicciaie, spogliarellisti, pazzi e prostitute.

Uno spettacolo strepitoso, per grandi e piccini, famiglie divorziate e omosessuali. Ciò che è vero è finto, e ciò che è finto è vero. Dalla noia delle gambe depilate ai letti senza lenzuola, dalle lampadine fulminate al naso che cola. Signore e signori, non perdete lo spettacolo più trash dell’anno. Potreste pentirvene e, chi si pente, è fottuto!

Pompieri, spazzini, operai, contadini, bidelli, toelettatori, fabbri, baby sitter arrapate. Tutti, tutti, senza alcuna discriminazione di sesso, razza, lingua, religione, altezza, peso, colore degli occhi, ascelle sudate e alitosi, potranno partecipare al corteo funebre organizzato in “pompa” magna per onorare la morte della pittura.

DSC_9509-copia

INFO

Mostra: Cenere

Autori: Momò Calascibetta, Dario Orphée La Mendola

Curatore: Andrea Guastella

Luogo: Teatro Coppola - Teatro dei cittadini-Via del Vecchio Bastione 9- Catania

Recapito telefonico: 347 011 2200

Referente per il Teatro Damiano Pellegrino

Inaugurazione: giovedì 2 maggio 2019

Orario: 19.00

Durata: evento unico-2 maggio 2019

Ingresso: gratuito

Testo letterario di Dario Orphèe:”La cenere dell’acanto” (Aurea Phoenix Edizioni)

Video: Davide Cataudella

Foto: Gerlando Sciortino e Franco Noto

Progetto grafico: Roberto Collodoro

Organizzazione tecnica: Salvo Sciortino

Ufficio stampa: Paola Feltrinelli paolafeltrinelli79@gmail.com

Staff Cenere: artecenere@gmail.com

Tod’s is Made in Italy. Contemporary lifestyle.

CENERE

21 Gennaio 2019

Cenere: delitto e castigo

21 Gennaio 2019

*Cenere*

delitto e castigo

Una installazione di

 Momò Calascibetta e un racconto di Dario Orphèe

 intorno al sistema dell’ Arte

a cura di Andrea Guastella

Vizi, Virtù, Godimenti,

dei signori dell’Arte

in Sicilia

Si inaugura domenica 27 gennaio 2019, alle ore 18.00, presso il Museo d’arte contemporanea di Palazzo Beneventano a Lentini(SR) la rassegna di Momò Calascibetta e Dario Orphée Cenere–Delitto e Castigo, a cura di Andrea Guastella.

Si dice che l’assassino torni sempre sul luogo del delitto; nel nostro caso, sono piuttosto i luoghi a inseguire gli assassini. E non è certo un caso che gli autori di Cenere, su cui ricade la colpa di aver ucciso e seppellito i potenti dell’arte in Sicilia – Dario Orphée ha raccontato di una mostra nata morta, Momò Calascibetta invece i morti li ha risuscitati, sigillandoli in loculi di 69×69 cm. ciascuno –, se ne siano accorti proprio a Lentini, patria di quel sofista che, arrivando a teorizzare l’innocenza di Elena, non era lontano dall’ammettere l’universalità del male: se tutti sono innocenti, nessuno è incolpevole.

Men che meno gli autori che, come il protagonista dell’immortale romanzo di Dostoevskij, dopo essersi accaniti contro i pupi siciliani, sono assaliti dai sensi di colpa e si struggono, tra una risata e una vodka, in attesa di un perdono che non chiederanno mai.La rassegna, itinerante, inaugurata alla Farm di Favara lo scorso 16 giugno, e che ha già toccato il Polo Museale A. Cordici di Erice, l’ex chiesa di San Giovanni a Gela, Palazzo La Rocca a Ragusa e il Museo Mandralisca a Cefalù, toccherà i principali musei della Sicilia per poi spostarsi in Italia e in Europa.

Momò Calascibetta nasce a Palermo. Si laurea in architettura con Gregotti ma sceglie di dedicarsi esclusivamente alla pittura; pittura che Leonardo Sciascia definirà “il racconto dettagliato dell’imbestiamento di una classe di potere già sufficientemente imbestiata nella più lata avarizia e nella più lata rapacità…”. I suoi personaggi hanno assistito “alla caduta degli dei” ma conservano l’imprinting del mito più alto; i suoi “relitti umani” divorano con cupidigia, godono e si preparano all’atto unico, forse finale, dell’effusione amorosa, della totale consunzione carnale dell’individuo, del deliquio dei sensi nella sfrenatezza di un’avida passione. Nel 1982 si trasferisce a Milano dove nascono Comiso ParkPiazza della VergognaDe l’amourLabirinto Verticale: serie di opere che verranno esposte alla Fondazione Corrente, alla Fondazione Mudima, alla Galleria Jannone, alla Galleria Daverio ed in fiere internazionali come Arte Fiera di Bologna, MiArt, Artexpo New York Coliseum, Art Basel, Arco Fiera di Madrid. Nel 2002 la Fondazione Mudima, a cura di Philippe Daverio, organizza una mostra-evento dal titolo Terromnia, dove vengono per la prima volta raccolte le sculture e i dipinti più rappresentativi di tutte le serie. La mostra susciterà l’interesse di Gillo Dorfles, Alessandro Riva, Marco Meneguzzo, Liana Bortolon e Giovanni Quadrio Curzio. Nel 2004 è ospite coi suoi lavori alla trasmissione Passepartout di Philippe Daverio su RAI 3 e nel 2005 un suo grande dipinto, Il gelato di Tariq, viene utilizzato per l’allestimento del set delle nove trasmissioni estive di Passepartout. Memorabile la sua esperienza di (non) partecipazione alla Biennale di Venezia del 2005, in occasione della quale organizza il progetto collaterale Esserci al Padiglione Italia, mostra di protesta contro un “mondo dell’arte” dominato da lobby finanziarie cieche ed arroganti, sempre più separate dalla vita reale. Nel 2005 col progetto Plotart a cura di Gianluca Marziani è coinvolto in diverse gallerie d’arte in Europa (Studio Senko, Danimarca; Dot Galerie, Svizzera; Fondazione Carlo Molineris, Svizzera; Galerie Kiron, Francia; Rar Galerie, Olanda; Galerie Hartdiest, Belgio; Blanca Soto, Spagna; Galleria Arturarte, Italia; La Sala Naranja, Spagna). Data al 2007 un’antologica intorno al tema del “sorriso” a cura di Vincenzo Consolo al Museo Mandralisca di Cefalù e al 2009 l’acquisizione di una sua opera al Museo Guttuso di Bagheria. Nel 2016 è il turno di Momeide, un’antologica alla Civica Raccolta Cappello a Ragusa, a cura di Andrea Guastella, e nel 2017 di un’istallazione alla Farm Cultural Park di Favara da titolo provocatorio Agrigentèrotique, a cura di Dario Orphée. Cenere, l’ultimo progetto itinerante realizzato in collaborazione con lo scrittore Dario Orphée e a cura di Andrea Guastella, lo vede presente dal 2018 al 2019 nei principali siti espositivi e musei della Sicilia, terra in cui l’artista, come hanno rilevato Sciascia, Bufalino e Consolo, è profondamente radicato. E anche in questo ciclo non vengono meno i tratti del disegnatore satirico di razza evidenziati un po’ da tutti i critici – da de Micheli a Soavi, da Dentice a Testori, da Daverio a Dorfles a Meneguzzo – che lo hanno seguito da vicino.

Nato ad Agrigento, Dario Orphée ha conseguito la maturità scientifica e la laurea magistrale in filosofia. Insegna Estetica ed Etica della Comunicazione presso l’Accademia di Belle Arti di Agrigento e Progettazione delle Professionalità presso l’Accademia di Belle Arti di Catania. Critico e curatore indipendente, collabora con numerose riviste – scrivendo di critica d’arte e teatrale, estetica, filosofia della natura e filosofia dell’agricoltura – tra cui “Segno”, “Il Pickwick”, “Permacultura & Transizione” e “Balarm”. Attualmente si occupa dello studio del sentimento, di gnoseologia dell’arte, di estetica ecobiologica e di scienze naturali.

INFO

Mostra: Cenere. Delitto e castigo

Autori: Momò Calascibetta, Dario Orphée La Mendola

Curatore: Andrea Guastella

Organizzazione: Palazzo Beneventano - Coordinatore Giorgio Franco

Spazio espositivo: Palazzo Beneventano, via Francesco d’ Assisi 4, Lentini

Recapito telefonico: 3287167281

Inaugurazione: domenica 27 gennaio 2019, ore 18.00

Durata: 27 gennaio – 24 febbraio 2019

Orario: sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00-da martedì a venerdì su prenotazione al 3287167281- chiuso lunedì

Catalogo: in allestimento

Video: Davide Cataudella

Foto: Gerlando Sciortino e Franco Noto

Progetto grafico: Roberto Collodoro

Organizzazione tecnica: Salvo Sciortino

Informazioni

ufficio stampa-Paola Feltrinelli

paolafeltrinelli79@gmail.com 

Staff Cenere
artecenere@gmail.com

Gruppo di Cenere

14 Gennaio 2019

Se ti iscrivi nel Gruppo di Cenere conoscerai “Vizi Virtù e Godimenti dei signori dell’arte in Sicilia”

Cenere: regalami un sorriso

12 Dicembre 2018

 

Una istallazione di
 Momò Calascibetta e un racconto di Dario Orphèe
 intorno al sistema dell’ Arte.
Una esaltazione dei
Vizi, Virtù, Godimenti
dei signori dell’Arte in Sicilia

a cura di Andrea Guastella
al 
MUSEO MANDRALISCA
28 dicembre ore 18.00 via Mandralisca 13, Cefalù
***Sette orizzontale - cm.69×69 - tecnica mista su tavola 2018***
 
Si inaugura venerdì 28 dicembre 2018, alle ore 18.00, presso il Museo Mandralisca di Cefalù, la rassegna di Momò Calascibetta e Dario Orphée La Mendola Cenere – Regalami un sorriso, a cura di Andrea Guastella.
 
Cosa c’entra Regalami un sorriso, la canzone di Drupi, con la Cenere penitenziale? A uno sguardo superficiale, niente. Cenere è infatti un violento J’accuse contro il sistema dell’arte siciliano, i cui protagonisti – critici e collezionisti, mercanti e curatori – sono seppelliti senza essere morti e, il che è peggio, condannati dalla penna e dal pennello degli autori – Dario Orphée ha raccontato nel suo racconto di una mostra nata morta, Momò Calascibetta invece i morti li ha risuscitati, sigillandoli in loculi di 69×69 cm. ciascuno – a ripetere in eterno i medesimi esercizi. E tuttavia, come accade ai politici accolti nei presepi di San Gregorio Armeno, anche in Cenere il disprezzo si converte sempre in scherzo, lo sdegno in un sorriso.Lo stesso imperscrutabile sorriso del capolavoro di Antonello ospitato a Cefalù, sotto il cui sguardo vigile Momò Calascibetta aveva già esposto nel lontano 2007 presentato da Vincenzo Consolo, e a cui ritorna coi suoi coloratissimi dipinti più divertito che mai. Interverranno alla serata inaugurale, oltre agli autori e al curatore, il Presidente della Fondazione Mandralisca, Antonio Purpura e il Sindaco di Cefalù, Rosario La Punzina, che recheranno i saluti dell’Ente ospitante e dell’Amministrazione comunale 

La rassegna, itinerante, inaugurata alla Farm di Favara lo scorso 16 giugno, e che ha già toccato il Polo Museale A. Cordici di Erice, l’ex chiesa di San Giovanni a Gela e Palazzo La Rocca a Ragusa, toccherà i principali musei della Sicilia per poi spostarsi in Italia e in Europa.
Momò Calascibetta nasce a Palermo. Si laurea in architettura con Gregotti ma sceglie di dedicarsi esclusivamente alla pittura; pittura che Leonardo Sciascia definirà “il racconto dettagliato dell’imbestiamento di una classe di potere già sufficientemente imbestiata nella più lata avarizia e nella più lata rapacità…”. I suoi personaggi hanno assistito “alla caduta degli dei” ma conservano l’imprinting del mito più alto; i suoi “relitti umani” divorano con cupidigia, godono e si preparano all’atto unico, forse finale, dell’effusione amorosa, della totale consunzione carnale dell’individuo, del deliquio dei sensi nella sfrenatezza di un’avida passione. Nel 1982 si trasferisce a Milano dove nascono Comiso ParkPiazza della VergognaDe l’amourLabirinto Verticale: serie di opere che verranno esposte alla Fondazione Corrente, alla Fondazione Mudima, alla Galleria Jannone, alla Galleria Daverio ed in fiere internazionali come Arte Fiera di Bologna, MiArt, Artexpo New York Coliseum, Art Basel, Arco Fiera di Madrid. Nel 2002 la Fondazione Mudima, a cura di Philippe Daverio, organizza una mostra-evento dal titolo Terromnia, dove vengono per la prima volta raccolte le sculture e i dipinti più rappresentativi di tutte le serie. La mostra susciterà l’interesse di Gillo Dorfles, Alessandro Riva, Marco Meneguzzo, Liana Bortolon e Giovanni Quadrio Curzio. Nel 2004 è ospite coi suoi lavori alla trasmissione Passepartout di Philippe Daverio su RAI 3 e nel 2005 un suo grande dipinto, Il gelato di Tariq, viene utilizzato per l’allestimento del set delle nove trasmissioni estive di Passepartout. Memorabile la sua esperienza di (non) partecipazione alla Biennale di Venezia del 2005, in occasione della quale organizza il progetto collaterale Esserci al Padiglione Italia, mostra di protesta contro un “mondo dell’arte” dominato da lobby finanziarie cieche ed arroganti, sempre più separate dalla vita reale. Nel 2005 col progetto Plotart a cura di Gianluca Marziani è coinvolto in diverse gallerie d’arte in Europa (Studio Senko, Danimarca; Dot Galerie, Svizzera; Fondazione Carlo Molineris, Svizzera; Galerie Kiron, Francia; Rar Galerie, Olanda; Galerie Hartdiest, Belgio; Blanca Soto, Spagna; Galleria Arturarte, Italia; La Sala Naranja, Spagna). Data al 2007 un’antologica intorno al tema del “sorriso” a cura di Vincenzo Consolo al Museo Mandralisca di Cefalù e al 2009 l’acquisizione di una sua opera al Museo Guttuso di Bagheria. Nel 2016 è il turno di Momeide, un’antologica alla Civica Raccolta Cappello a Ragusa, a cura di Andrea Guastella, e nel 2017 di un’istallazione alla Farm Cultural Park di Favara da titolo provocatorio Agrigentèrotique, a cura di Dario Orphée. Cenere, l’ultimo progetto itinerante realizzato in collaborazione con lo scrittore Dario Orphée e a cura di Andrea Guastella, lo vede presente dal 2018 al 2019 nei principali siti espositivi e musei della Sicilia, terra in cui l’artista, come hanno rilevato Sciascia, Bufalino e Consolo, è profondamente radicato. E anche in questo ciclo non vengono meno i tratti del disegnatore satirico di razza evidenziati un po’ da tutti i critici – da de Micheli a Soavi, da Dentice a Testori, da Daverio a Dorfles a Meneguzzo – che lo hanno seguito da vicino.
 
Nato ad Agrigento, Dario Orphée ha conseguito la maturità scientifica e la laurea magistrale in filosofia. Insegna Estetica ed Etica della Comunicazione presso l’Accademia di Belle Arti di Agrigento e Progettazione delle Professionalità presso l’Accademia di Belle Arti di Catania. Critico e curatore indipendente, collabora con numerose riviste – scrivendo di critica d’arte e teatrale, estetica, filosofia della natura e filosofia dell’agricoltura – tra cui “Segno”, “Il Pickwick”, “Permacultura & Transizione” e “Balarm”. Attualmente si occupa dello studio del sentimento, di gnoseologia dell’arte, di estetica ecobiologica e di scienze naturali.
 
INFO
Mostra: Cenere. Regalami un sorriso  
Autori: Momò Calascibetta, Dario Orphée La Mendola
Curatore: Andrea Guastella
Organizzazione: Fondazione Mandralisca- Coordinatrice Maria Giuliana
Spazio espositivo: Museo Mandralisca, via Mandralisca 13, Cefalù
Recapito telefonico: 0921421547
Inaugurazione: venerdì 28 dicembre 2018, ore 18.00
Durata: 28 dicembre 2018 – 24 gennaio 2019
Orario: 9.00-19.00 (9,00-12,30 / 15,30-19,00 il giorno di Capodanno)
Catalogo: in allestimento
Video: Davide Cataudella
Foto: Gerlando Sciortino e Franco Noto
Progetto grafico: Roberto Collodoro
Organizzazione tecnica: Salvo Sciortino
Giorno di chiusura: nessuno

Informazioni
ufficio stampa-Paola Feltrinelli
Staff Cenere

 

Cenere- Spoon river in Sicily

1 Agosto 2018
Image
Image

Cenere

***Spoon river in Sicily***

Una istallazione
intorno sistema dell’ Arte.
Una esaltazione dei
Vizi, Virtù, Godimenti,
dei signori dell’Arte in Sicilia

 

È possibile descrivere la vita umana evocando le vicende di un villaggio? Ci aveva provato Edgar Lee Masters nella sua Spoon River Antology, una raccolta di oltre duecento epigrafi con altrettante storie riassuntive delle esistenze dei defunti, appartenenti a ogni categoria sociale, in cui si riconobbe, tra gli altri, Fabrizio De André.

A circa cent’anni di distanza da quel testo memorabile, MoMò Calascibetta e Dario Orphée hanno realizzato un’opera i cui protagonisti appartengono a una Spoon River davvero speciale: sono i protagonisti del sistema dell’arte siciliano, e cioè di quell’insieme di figure – critici, collezionisti, galleristi, curatori – che si accompagnano agli artisti come un villaggio fantasma e, al contempo, come un cimitero colorato. Dario, scrittore, ha infatti evocato in termini grotteschi una mostra nata morta. Momò invece i morti li ha risuscitati, esaltandoli in loculi 69×69 cm. (i numeri conteranno pur qualcosa…) dove i grandi dell’arte sono condannati a ripetere in eterno i medesimi esercizi. In entrambe i casi, l’impianto satirico è un semplice pretesto per indagare il mistero della vita e della morte, della bellezza e dell’orrore. La rassegna, Cenere, a cura di Andrea Guastella, verrà presentata a Gela presso la ex Chiesa di San Giovanni Battista, via Damaggio Fischetti  il 13 agosto alle ore 18.30 con lo svelamento dei ritratti di MoMò Calascibetta, con una lettura di alcuni brani del racconto di Dario Orphée e con una presentazione del curatore Andrea Guastella e rimarrà visitabile sino al  17 settembre.

Nella serata inaugurale si svolgerà inoltre Cenere blu, concerto live lupping & sound effect, con musiche originali di Filippo Calascibetta e Roberto Barbieri. Cenere è una mostra itinerante e abbraccerà tra il 2018 e il 2019 i principali siti artistici della Sicilia. Le altre sedi previste, a parte Favara, dove la mostra è stata inaugurata lo scorso 18 giugno, ed Erice, dove è già terminata, sono Siracusa, Cefalù, Palermo, Termini Imerese, Enna, Catania, Ragusa, Messina e Lipsia, in Germania.

 

INFO
- Spazio espositivo: ex Chiesa di San Giovanni Battista
via Damaggio Fischetti Gela ( CL )
Titolo mostra: Cenere
Artista: Momò Calascibetta e Dario Orphée
Vernissage: sabato 13 agosto 2018 ore 18:30
Data di chiusura: 17 settembre 2018
- Orari: dalle 10.00/13.00 - 16.00/20.00
Catalogo: edizione aurea phoenix
Progetto grafico: Roberto Collodoro

P.R. per Gela: Danilo Mendola
- Foto: Gerlando Sciortino e Franco Noto
- Concerto live lupping & sound effect
- Musiche originali: Filippo Calascibetta e Roberto Barbieri

- Ingresso libero
- Curatore: Andrea Guastella

 

Informazioni

ufficio stampa-Paola Feltrinelli

paolafeltrinelli79@gmail.com 

Staff Cenere
artecenere@gmail.com

Facebook

Instagram

artmomo



 

Cenere

27 Giugno 2018

 Un cimitero di cadaveri eccellenti nella mostra itinerante di

Momò Calascibetta

 

C’era una volta un antico maniero. Si ergeva coraggiosamente su un costone roccioso alto e quasi impraticabile. Quando non c’erano automobili, per raggiungerlo occorreva una mezza giornata. Ma, una volta in cima, il paesaggio toglieva il fiato: da un lato il mare infinito, dall’altro una costa verdeggiante e frastagliata. Sembrava il monte su cui il diavolo condusse Cristo per mostrargli le ricchezze della terra: “Se mi adorerai, tutto questo sarà tuo”. A giudicare dalla magnificenza del castello, quella vista incantata aveva dato alla testa ai notabili del luogo. Padroni di un feudo piccolo e remoto, lo avevano scambiato per un regno. Perciò avevano commissionato degli splendidi ritratti, che ne magnificassero le imprese. Oggi quegli uomini non esistono più. I dipinti, però, sono rimasti, e continuano a rivolgerci senza alcun imbarazzo le parole del marchese: “noi siamo noi, e voi non siete un cazzo”. Nel racconto di Dario Orphée e nell’istallazione di Momò Calascibetta, il paese non è Erice, anche se per alcuni aspetti le somiglia, e i signori non incarnano personaggi blasonati: sono solo l’insieme delle figure – critici, collezionisti, galleristi, curatori – che si accompagnano agli artisti come un villaggio fantasma e, al contempo, come un cimitero colorato. Il primo, scrittore, ha evocato in termini grotteschi una mostra nata morta. Il secondo invece i morti li ha risuscitati, esaltandoli in loculi 69×69 cm (i numeri conteranno pur qualcosa) dove i grandi dell’arte sono condannati a ripetere in eterno i medesimi esercizi. La rassegna, Cenere, a cura di Andrea Guastella, verrà presentata nel Polo Museale A. Cordici di Erice, sabato 1 luglio 2018 alle ore 18.00 con una lettura di alcuni brani del racconto di Dario Orphée e con lo svelamento dei ritratti di Momò Calascibetta e rimarrà visitabile sino al 15 luglio. In questa occasione si potranno ammirare per la prima volta, e con l’aggiunta di un inedito, le tavole originali di Momò Calascibetta. Cenere è una mostra itinerante e abbraccerà tra il 2018 e il 2019 i principali siti artistici della Sicilia. Le sedi previste, a parte Erice e Favara, dove la mostra è stata inaugurata lo scorso 18 giugno, sono Gela, Siracusa, Cefalù, Palermo, Termini Imerese, Enna, Catania, Ragusa, Messina, Milano e Lipsia, in Germania.

INFO

-Spazio espositivo: Polo Museale A. Cordici di Erice, (TP)

-Titolo mostra: Cenere

-Artista: Momò Calascibetta e Dario Orphée

-Vernissage: Domenica 1 luglio 2018 ore 18:00

-Data di chiusura: 15 luglio 2018

-orari: dalle 10.00 alle 20.00

-Catalogo: edizione aurea phoenix

-Progetto grafico: Roberto Collodoro

-Curatore: Andrea Guastella

Informazioni :

Link dell’evento

Staff Cenere

artecenere@gmail.com

Cenere

9 Giugno 2018

Un progetto di Momò Calascibetta
con
un racconto di Dario Orphèe

Una istallazione
intorno sistema dell’ Arte.
Una esaltazione dei
Vizi, Virtù, Godimenti,
dei signori dell’Arte in Sicilia
  alla 
FARM CULTURAL PARK
sabato 16 giugno ore 18.00
cortile Bentivegna Favara ( AG)

Chi non ha mai sognato di seppellire il capo, o la moglie, o il collega importuno? Non di cancellarlo, intendiamoci: se non ci fossero gli altri scompariremmo pure noi. È solo che la morte trasfigura tutti in meglio: ci rende sopportabili, persino carini. Lo hanno capito i Cappuccini di Palermo, quando hanno deciso di aprire ai turisti le loro Catacombe. Dario Orphèe e Momò Calascibetta hanno fatto un po’ la stessa cosa: hanno raccontato il sistema dell’arte siciliana, cioè l’insieme delle figure – critici, collezionisti, galleristi, curatori – che si accompagnano agli artisti come un villaggio fantasma e, al contempo, come un cimitero colorato. Il primo, scrittore, ha evocato in termini grotteschi una mostra nata morta. Il secondo invece i morti li ha risuscitati, esaltandoli in loculi 69×69 cm (i numeri conteranno pur qualcosa) dove i “signori dell’arte” sono condannati a ripetere in eterno i medesimi esercizi. 
La rassegna, Cenere, verrà presentata alla Farm di Favara sabato 16 giugno 2018 alle ore18.00 con una lettura di alcuni brani del racconto di Dario Orphée, con lo svelamento dei ritratti di Momò Calascibetta e con una prolusione – ironica come tutto il resto – del curatore Andrea Guastella. 
In considerazione della natura degli spazi, esposti alle intemperie, le opere saranno riprodotte in pannelli di forex e accompagnate da gadget appositamente confezionati. I visitatori interagiranno deponendo fiori finti in corrispondenza delle icone preferite. 
Per leggere integralmente il racconto di Dario, bisognerà attendere la pubblicazione del catalogo, che sarà presentato alla Farm nel corso della mostra. Per ammirare dal vivo i ritratti di Momò l’appuntamento è invece ad Erice, dal 1 al 15 luglio. 
Cenere è infatti una mostra itinerante e abbraccerà tra il 2018 e il 2019 i principali siti artistici della Sicilia.

Le sedi previste sono, a parte Erice e Favara, Gela, Siracusa, Cefalù, Palermo, Termini Imerese, Enna, Catania, Ragusa, Messina e Lipsia, in Germania.

a cura di Andrea Guastella


Informazioni :
Staff Cenere